Sì di Biasca al nuovo assetto della Polizia

Tre Valli

Il Consiglio comunale ha approvato la nuova organizzazione del posto misto con i compiti di prossimità affidati a sei assitenti

Sì di Biasca al nuovo assetto della Polizia
© CdT/Archivio

Sì di Biasca al nuovo assetto della Polizia

© CdT/Archivio

Via libera alla modifica della Convenzione con il Cantone concernente la modalità di collaborazione e di conduzione del Posto di polizia misto della Regione VIII con sede proprio a Biasca. Lo ha dato lunedì sera il Consiglio comunale di Biasca. In sostanza il progetto pilota previsto sull’arco di due anni prevede una riorganizzazione tramite cui nel periodo 2022-2023 si affiderà unicamente ad assistenti di polizia i compiti minori di prossimità (multe, controllo e gestione del traffico) che attualmente vengono svolti dagli agenti.

No di Cadenazzo al bonus apprendisti

Lunedì sera si è riunito anche il Legislativo di Cadenazzo che ha dato luce verde al Consuntivo 2020 chiusosi con un avanzo d’esercizio di 41.000 franchi. Approvati anche gli altri messaggi con la sola eccezione della mozione di Davide Caccia (PPD) che chiedeva di introdurre un incentivo comunale all’assunzione di nuovi apprendisti. Motivo della bocciatura: la mancanza nel testo dell’indicazione che i giovani in formazione devono essere domiciliati nel Comune. Indicazione che Caccia ha inserito nella nuova mozione presentata seduta stante.

Serravalle contribuisce al recupero di Germanionico

A Serravalle, infine, il Consiglio comunale ha, tra le altre cose, approvato un contributo di 100.000 franchi per la seconda fase di recupero del nucleo di Germanionico. Tra i cinque rustici che si intendono restaurare nella nuova tappa dei lavori vi è anche quello che fino al 4 novembre del 2015 era abitato da Luigi Scossa Baggi, detto Gino dei Fadaric, che fu tra i promotori e presidente della Fondazione che ha lo scopo di salvaguardare Germanionico.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1