Sorpassi di spesa, i nuovi dubbi dei Verdi

BELLINZONA

I consiglieri comunali Marco Noi e Ronnie David chiedono lumi al Municipio in merito al caso dell’ex direttore del Settore opere pubbliche: «Perché è stato informato solo ad inchiesta conclusa?»

Sorpassi di spesa, i nuovi dubbi dei Verdi
Palazzo civico.

Sorpassi di spesa, i nuovi dubbi dei Verdi

Palazzo civico.

Sorpassi di spesa, i nuovi dubbi dei Verdi
Marco Noi, a sinistra, con Ronnie David.

Sorpassi di spesa, i nuovi dubbi dei Verdi

Marco Noi, a sinistra, con Ronnie David.

Corrisponde al vero che l’ex direttore del Settore opere pubbliche (SOP) è stato informato «solamente a inchiesta conclusa che si stava inquirendo su di lui nell’ambito di una procedura disciplinare, senza peraltro saperne quali fossero le accuse mossegli e i risultati scaturiti? In caso affermativo, chi ha deciso di informarlo solamente a inchiesta praticamente conclusa? Perché è stata presa questa decisione dal momento che un dipendente oggetto di inchieste disciplinari (...) deve essere informato sull’accusa mossagli in modo possa adeguatamente difendersi e attingere a tutti i rimedi di diritto per poterlo fare?».

Sono solo tre delle dieci domande che i consiglieri comunali dei Verdi Marco Noi e Ronnie David rivolgono al Municipio di Bellinzona in merito alla vicenda dei sorpassi di spesa. Gli ecologisti prendono spunto da un’altra interpellanza, quella inoltrata venerdì scorso dal collega democentrista Tuto Rossi, il quale come noto aveva anche allegato il “memoriale” proprio dell’alto funzionario, nel frattempo trasferito all’Azienda multiservizi cittadina. Un documento di 40 pagine allestito nel dicembre 2020 dal legale dell’uomo, l’avvocato Curzio Fontana, in cui si delinea una versione dei fatti sostanzialmente diversa da quella fornita dall’Esecutivo.

I Verdi domandano dunque al consesso guidato dal sindaco Mario Branda se «non ritiene che l’inchiesta risulti falsata oltre che non conforme ai diritti procedurali garantiti a una persona sulla quale pesa una possibile misura disciplinare, persino il licenziamento». Marco Noi e Ronnie David si chinano poi sul ruolo dell’ingegnere che ha appena assunto la direzione ad interim del SOP. E chiedono se è vero che lo specialista, il quale aveva ricevuto dal Municipio il mandato per «esperire l’inchiesta sull’oratorio di Giubiasco per l’audit interno, si è occupato della progettazione stessa dei lavori» nell’edificio. Che, ricordiamo, è una delle tre opere finite sotto la lente per il bubbone scoppiato nell’aprile 2020 a Palazzo civico.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    A Lumino si parla finlandese... ma solo correndo

    SALUTE E MOVIMENTO

    Via libera alla realizzazione dell’opera che rafforzerà ulteriormente la vocazione sportiva e ricreativa dell’area che si trova nei pressi del centro extrascolastico - Si prevede un investimento complessivo di 55.000 franchi a carico di Comune e Patriziato

  • 2

    È sfumato il progetto pionieristico da 80 milioni

    TECNOLOGIE

    Bodio: la società promotrice del datacenter in un cunicolo nel quale immagazzinare e stoccare file elettronici è fallita un mese fa - Avrebbero dovuto essere creati 20-30 posti di lavoro - Lapidario il presidente dell’azienda Roland Herlig: «Non faremo più niente»

  • 3
  • 4

    «Soddisfatte le aspettative iniziali»

    PROGETTO

    Il Municipio di Bellinzona risponde ai dubbi della politica in merito alla Fondazione del Parco del Piano di Magadino - Fra nomina dei futuri rappresentanti e Piano di utilizzazione cantonale

  • 5
  • 1
  • 1