Sotto l’albero non c’è lo spirito natalizio

IL CASO

Clima decisamente poco idilliaco a Giornico fra il Municipio ed il Consiglio comunale dopo l’ultima seduta del plenum e in vista della discussione sul preventivo - Il sindaco getta acqua sul fuoco: «Non c’è grande armonia, ma fa parte del gioco»

Sotto l’albero non c’è lo spirito natalizio
Una veduta del paese bassoleventinese. © CdT/Archivio

Sotto l’albero non c’è lo spirito natalizio

Una veduta del paese bassoleventinese. © CdT/Archivio

Scordatevi l’atmosfera natalizia che contraddistingue queste settimane di avvicinamento al 25 dicembre. A Giornico il clima è decisamente poco idilliaco (per usare un eufemismo) fra il Municipio e la Commissione della Gestione del Consiglio comunale. Oggetto del contendere è il Preventivo 2020 (che stima un avanzo di poco più di 32 mila franchi con moltiplicatore stabile al 100%) che verrà discusso dal plenum mercoledì 18 dicembre. Pur invitando il Legislativo ad approvare i conti (con le modifiche che vi diremo in seguito), i commissari nel breve rapporto si tolgono più di un sassolino dalle scarpe. «Facciamo rilevare che siamo in una democrazia e che ognuno è libero di esprimere la propria opinione, non saranno certo interventi intimidatori durante il Consiglio comunale che ci faranno cambiare le nostre opinioni, il nostro pensiero è e resterà libero (...). Quindi chiediamo maggiore rispetto istituzionale», si legge nel documento.

Alla Gestione è andato di traverso quello che definisce l’«atteggiamento denigratorio» del Municipio nei confronti dei commissari tacciati, leggiamo sempre sul rapporto e limitandoci ad un’unica affermazione, «quale gente che spara solo nel mucchio». La Commissione ha fatto due osservazioni in merito al Preventivo per l’anno prossimo. In primo luogo si chiede che «tutto ciò che fa riferimento alle cifre dei conti» legati al nuovo Regolamento organico dei dipendenti venga «riadattato in quanto non è stato accettato» in occasione dell’ultima seduta del plenum. Secondariamente si domanda che negli investimenti si tenga conto di ulteriori 1,4 milioni di franchi circa (portando così la cifra complessiva ad oltre 5 milioni).

Da noi contattato il sindaco Giovanni Bardelli getta acqua sul fuoco: «Effettivamente non c’è una grande armonia fra il Municipio ed il Consiglio comunale. Ci sono stati degli attriti. Fa parte del gioco. Alcuni messaggi passano, altri no. Senza dimenticare poi che c’è anche gente interessata alle prossime elezioni...». A questo proposito, lei si ripresenterà? «Non ho ancora sciolto le riserve. Aspetto di vedere come andranno i prossimi Consigli comunali poi deciderò», conclude Bardelli, in carica da quasi due anni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Neonatologia agli onori

    Bellinzona

    Dopo un’attenta analisi, il Servizio dell’ospedale San Giovanni ha ricevuto il certificato IIb – Presi a carico neonati e piccoli prematuri a partire dalle 32 settimane di gravidanza

  • 3

    La mobilità elettrica... va alla grande

    BELLINZONESE

    L’Azienda multiservizi cittadina sovvenziona l’acquisto di colonnine di ricarica domestiche - Il contributo si somma a quello accordato, oltre che dalla Turrita, anche da Arbedo-Castione e Lumino

  • 4

    Per le scuole medie sopracenerine tanti cantieri in arrivo

    Educazione

    Tra Bellinzonese, Locarnese e le rispettive valli numerose sedi necessitano di importanti interventi - DFE e DECS lavorano su due livelli: progettazioni e opere - A Biasca entro una decina d’anni prevista la ricostruzione completa

  • 5
  • 1
  • 1