Spaccio di coca, in manette un 40.enne polacco

biasca

Un’inchiesta svolta in collaborazione tra i Servizi antidroga della polizia di Bellinzona e la polizia comunale di Biasca ha portato all’arresto dell’uomo sospettato di aver preso parte a un importante traffico di cocaina

Spaccio di coca, in manette un 40.enne polacco
© Shutterstock

Spaccio di coca, in manette un 40.enne polacco

© Shutterstock

Un 40.enne polacco domiciliato nel Locarnese è finito in manette il 6 maggio a Biasca perché sospettato di aver preso parte a un importante traffico di cocaina. Ministero pubblico e la polizia cantonale informano che l’arresto è scattato grazie a un’inchiesta svolta in collaborazione con i Servizi antidroga della polizia Città di Bellinzona e la polizia comunale di Biasca. Le principali ipotesi di reato a carico dell’uomo sono di infrazione aggravata subordinatamente semplice e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti. La misura restrittiva della libertà è stata nel frattempo confermata dal Giudice dei provvedimenti coercitivi (GPC). L’inchiesta è coordinata dal Procuratore pubblico Roberto Ruggeri.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Nella natura... con Pro Natura al Lucomagno

    VALLE DI BLENIO

    Albergo e ristorante resteranno chiusi in attesa della ristrutturazione, tuttavia non mancano nella regione le proposte e le offerte per un’estate comunque indimenticabile - Il campeggio aprirà il 26 giugno

  • 2

    Rogo a Cadenazzo, sul posto anche la Polizia militare

    Il caso

    Negli scorsi giorni l’esercito avrebbe svolto delle esercitazioni e non è da escludere che del materiale utilizzato per le attività dei militari possa aver accidentalmente causato l'incendio dello stabile che ospitava il Monna Lisa

  • 3

    Violento incendio a Cadenazzo

    rogo

    Le fiamme sono divampate nello stabile che ospitava il locale Monna Lisa - Sul posto i pompieri locali e della capitale - ViaSuisse informa che la strada cantonale è stata riaperta ed è nuovamente percorribile - FOTO e VIDEO

  • 4
  • 5

    Quei «letti freddi» non scottano per davvero

    IL CASO

    Il Tribunale federale conferma la proporzionalità della tassa fatturata dall’Organizzazione turistica regionale alla proprietaria di una residenza di vacanza in Leventina - Per i giudici di Mon Repos non lede i principi di uguaglianza e della parità di trattamento: «Si tratta di un’imposta ragionevole e non arbitraria»

  • 1
  • 1