Tennis Club Bellinzona tra tecnologia, formazione e nuovi servizi

Assemblea

La società della capitale ha tracciato un bilancio della scorsa stagione ed è pronta alle novità del 2020

Tennis Club Bellinzona tra tecnologia, formazione e nuovi servizi

Tennis Club Bellinzona tra tecnologia, formazione e nuovi servizi

Si è svolta mercoledì 15 gennaio alla presenza di una settantina di soci l’assemblea del Tennis Club Bellinzona (TCB) per la stagione 2018/19. Il sindaco Mario Branda ha portato i saluti del Municipio e si è complimentato per l’ottimo lavoro svolto dal club, mentre il municipale Simone Gianini, presidente del giorno, ha diretto i lavori. Come sottolineato dal presidente del TCB Stefano Brunetti quella trascorsa è stata una stagione intensa. Accanto al costante miglioramento della qualità dell’insegnamento, il club annovera oggi nei suoi ranghi quattro maestri (tutti con diploma di allenatore nazionale) e otto monitori G+S, il gruppo agonistica si è ulteriormente allargato e i risultati non si sono fatti attendere.

A giugno un torneo U14
Bellinzona ha funto con successo da sede principale anche per il terzo e ultimo anno dei Campionati svizzeri juniori. Per la nuova stagione la società ha ottenuto l’organizzazione di un primo torneo del circuito Tennis Europe per ragazzi/e U14 che si svolgerà sui campi della capitale dal 20 al 27 giugno. Alla riunione è intervenuto anche Andrea Lafranchini, il nuovo direttore dell’Ente autonomo comunale Bellinzona Sport, che ha sottolineato come il dialogo tra lui e il club sia da subito stato costruttivo e che la collaborazione è già qualitativamente migliorata.

Si migliora la logistica
Importante sottolineare, come ha spiegato il municipale Christian Paglia, che nell’ambito dei progetti dedicati al centro, durante tutto il mese di febbraio, il bar verrà chiuso per garantire la sua completa ristrutturazione. A marzo è prevista l’installazione di tutte le nuove luci LED per i campi esterni e in autunno dovrebbe essere possibile realizzare l’atteso rifacimento completo del vialetto centrale con il mantenimento di tutte le piante esistenti e garantire finalmente l’accesso e i servizi per i diversamente abili. Seguiranno poi altre opere che mirano ad una migliore gestione delle complesse infrastrutture del centro.

Una nuova App
Chi fosse interessato ad iniziare l’attività tennistica può contattare i direttore sportivo Fabien Guillot al numero 079/452.83.39 o consultare il sito www.tcbellinzona.ch. Il club ha appena creato un applicazione scaricabile sia per android che per iPhone, «tc bellinzona», che ha lo scopo di mettere in rete tutti i propri utenti, garantire un informazione puntuale e fornire procedure semplificate per l’accesso a tutte le operazioni. Inoltre a breve sarà attivata la possibilità di pagare ogni prenotazione con carte di credito.

Comitato confermato
Durante l’assemblea il comitato è stato riconfermato con alla presidenza Stefano Brunetti, vice Franco Gervasoni, segretaria Giuliana Conforti, contabile Michela Fontana, commissario tecnico Domenico Palmieri con Marina Grassi Gemetti, responsabile amministrazione Jones Corti, responsabile scuola tennis Filippo Codiroli, logistica Mathias Beltraminelli e manifestazioni Marco Miconi. Ha lasciato il comitato Barbara Giudice. L’apertura ufficiale dei campi per la fase estiva è prevista il 28 marzo.

Tennis Club Bellinzona tra tecnologia, formazione e nuovi servizi
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2

    Residenza per anziani: i posteggi nel mirino dell’AMICA

    CASTIONE

    L’Associazione per il miglioramento ambientale del comparto scrive al Municipio in merito al futuro complesso segnalando quelle che ritiene essere delle «mancanze» - Non soddisfa inoltre pienamente la scelta di insediare la struttura nella trafficata via Corogna

  • 3

    Ecco la Città del 2040, digitale e più sostenibile

    BELLINZONA

    Verranno svelati a fine mese i lavori dei tre team interdisciplinari che hanno immaginato lo sviluppo della capitale nei prossimi decenni - Le idee forniranno le linee direttrici pianificatorie - Dalla Turrita in versione «smart city» a quella in grado di fondarsi su una rete di prossimità e flessibile

  • 4

    I nuovi graffiti, un simbolo di modernità

    Arte urbana

    Lugano ha visto fiorire tre enormi e coloratissimi murales in pieno centro - Non più sinonimo di degrado, oggi la street art connota l’apertura culturale delle città che la ospitano - Borradori: «Anche questo tipo di opere dimostrano che stiamo puntando sull’arte» - FOTO

  • 5
  • 1
  • 1