Tre scenari per le Scuole medie di Castione

Progetti

Oltre al progetto di ampliamento, sempre bloccato da un ricorso, il Cantone sta valutando il risanamento dell’edificio con riduzione del numero di allievi o la costruzione altrove di una nuova sede

 Tre scenari per le Scuole medie di Castione
Il progetto del futuro comparto scolastico di Castione. © Edy Quaglia e Atelier PeR architetti

Tre scenari per le Scuole medie di Castione

Il progetto del futuro comparto scolastico di Castione. © Edy Quaglia e Atelier PeR architetti

Le valutazioni delle autorità cantonali al riguardo delle Scuole medie di Castione si muovono su tre scenari. Li ha illustrati il sindaco di Arbedo-Castione Luigi Decarli rispondendo, durante l’ultima seduta dello scorso del Consiglio comunale, ad una interpellanza presentata del gruppo PPD. Il primo scenario prevede la sopraelevazione di un piano dell’attuale edificio sotto il cui tetto è previsto anche la nuova scuola dell’infanzia di Castione. La variante pianificatoria che spiano al progetto per la creazione del nuovo comparto scolastico è però contestata da un maxiricorso interposto al Consiglio di Stato da una sessantina di cittadini che ritiene eccessivamente invasiva la sopraelevazione dell’attuale edificio, la quale andrebbe a snaturare la zona e provocherebbe un impatto paesaggistico rilevante per il vecchio nucleo di Castione e per la campagna di Lumino.

Lifting o demolizione

Il secondo scenario prevede il semplice risanamento dell’edificio scolastico con la riduzione del numero di allievi da 500 a 350 con il trasferimento in altre sedi dei 150 restanti. Infine il terzo scenario contempla la possibilità di demolire l’attuale sede della Scuola media di Castione per costruirne una nuova nel territorio compreso tra Bellinzona e Claro con una ridefinizione degli attuali comprensori.

L’MPS chiede chiarezza

E proprio questa ultima opzione è oggetto di una interpellanza firmata dai tre granconsiglieri dell’MPS-POP-Indipendenti. In particolare Matteo Pronzini, Simona Arigoni e Angelica Lepori chiedono al Consiglio di Stato di confermare se, effettivamente, l’autorità cantonale stia studiando degli scenari per gli studenti dei Comuni che oggi fanno capo alle medi di Castione, di illustrare, a grandi linee, quali siano, nonché di chiarire se le autorità comunali dei Comuni interessati sono state coinvolte (o lo saranno) nell’elaborazione di questi possibili scenari.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1

    Municipio da revocare? Solo un caso in dieci anni

    ISTITUZIONI

    Il 4 febbraio 2011 venne introdotta nella Costituzione cantonale la facoltà di chiedere al Governo l’allontanamento degli Esecutivi comunali - A Bellinzona fu lanciata subito una raccolta firme, poi abbandonata - Finora solo a Cademario nel 2019 è uscito il sì dalle urne - Marzio Della Santa (Enti locali): «Servono determinazione e fatti concreti»

  • 2

    Il cielo sopra le antenne di telefonia mobile si fa più cupo

    IL CASO

    Il Consiglio di Stato ha approvato la variante di Piano regolatore del Comune di Arbedo-Castione per disciplinare la posa degli impianti - Si fa leva sul cosiddetto modello «a cascata», privilegiando le aree meno sensibili per la popolazione

  • 3
  • 4

    I «Liberi» di Bellinzona in corsa anche per il Municipio

    Elezioni comunali

    La lista civica era nata un anno fa «con l’obiettivo di fare politica senza cadere nella partitocrazia» - Gli ex consiglieri comunali leghisti (ora indipendenti) Luigi Calanca e Giulio Deraita si candidano pure per l’Esecutivo

  • 5

    Via libera ai conti: linfa vitale per il settore

    TURISMO

    Ben 174 soci dell’OTR Bellinzonese e Alto Ticino hanno dato via libera nelle scorse settimane, in forma epistolare, al consuntivo 2019 ed al preventivo 2021 - I fondi raccolti serviranno a finanziare numerosi progetti

  • 1
  • 1