Tutela cantonale per Prada

Preavviso favorevole del Dipartimento del territorio all'inserimento del villaggio tra i beni meritevoli di protezione

Tutela cantonale per Prada
Il progetto promosso dalla Fondazione Prada si prefigge di recuperare e valorizzare l'insediamento medievale sulla collina di Ravecchia.

Tutela cantonale per Prada

Il progetto promosso dalla Fondazione Prada si prefigge di recuperare e valorizzare l'insediamento medievale sulla collina di Ravecchia.

BELLINZONA - Il villaggio medievale di Prada sulla collina che sovrasta Ravecchia dev'essere protetto quale bene culturale di interesse cantonale. Lo ha stabilito il Cantone stesso ponendo la relativa modifica del Piano regolatore della Città di Bellinzona quale condizione imprescindibile per partecipare al finanziamento del progetto di recupero e di valorizzazione delle rovine del villaggio avviato dalla Fondazione Prada. «Attualmente a livello pianificatorio il comparto è inserito in una zona di valore archeologico» spiega al CdT il municipale Simone Gianini, capodicastero Territorio e mobilità. «Ciò significa – prosegue Gianini - che per qualsiasi intervento dev'essere coinvolto l'Ufficio dei beni culturali. La zona di interesse archeologico non conferisce tuttavia una protezione attiva».

Da qui l'avvio della procedura per l'adozione della variante del PR cittadino, grazie alla quale il villaggio sarà tutelato a tutti gli effetti e, soprattutto, affinché il Cantone possa come detto contribuire al finanziamento del progetto di recupero e valorizzazione dell'antico insediamento di Prada che si prefigge di mettere in sicurezza, risanare e in taluni casi rimettere a disposizione del pubblico gli edifici compatibilmente con la loro funzione originaria e il loro stato di conservazione come si appresta a fare la Fondazione Curzutt dall'altra parte della montagna con l'antico insediamento di Poncete. Procedura di aggiornamento del PR che, dopo il preavviso favorevole dato dal Dipartimento cantonale del territorio all'inizio del mese scorso, entra ora nella fase di informazione e partecipazione pubblica.

La documentazione relativa alla variante si potrà consultare dal 15 novembre al 14 dicembre negli uffici del Dicastero Territorio e mobilità, settore pianificazione, catasto e mobilità all'ex casa comunale di Sementina. Terminato il periodo di pubblicazione, il Municipio licenzierà il messaggio all'attenzione del Consiglio comunale per l'adozione della variante che consentirà di istituire la tutela cantonale.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
    Petizione

    Il rammarico di Claro: «Mancanza di rispetto per la nostra storia»

    Si raccolgono firme per chiedere al Municipio di Bellinzona il ripristino del mosaico in pietra che richiamava l’anno di costruzione della casa comunale - La rimozione è avvenuta nell’ambito dei lavori per la creazione dell’accesso ai portatori di andicap allo sportello di quartiere e postale - Sull’intervento ci sono anche una mozione e un’interpellanza

  • 3
    PROGETTO

    La «cittadella della giustizia» nel cuore della capitale

    Bellinzona: il Pretorio di viale Stefano Franscini verrà ristrutturato ed ampliato grazie ad un investimento di una cinquantina di milioni di franchi - Il cantiere si concluderà nell’autunno 2025 - Il futuro complesso ed il Tribunale penale federale saranno «uniti» da una piazza pubblica

  • 4
  • 5
    BELLINZONA

    Sorpassi di spesa, i nuovi dubbi dei Verdi

    I consiglieri comunali Marco Noi e Ronnie David chiedono lumi al Municipio in merito al caso dell’ex direttore del Settore opere pubbliche: «Perché è stato informato solo ad inchiesta conclusa?»

  • 1