Un disavanzo come previsto: anzi, meglio

FINANZE

La pandemia non sembra aver pesato troppo sul consuntivo 2020 di Biasca - Si chiude con cifre rosse per 463 mila franchi, mentre gli investimenti sono stati nettamente inferiori - «Nel nostro piccolo l’economia locale sembra aver tenuto molto bene»

Un disavanzo come previsto: anzi, meglio

Un disavanzo come previsto: anzi, meglio

Un disavanzo di poco superiore ai 463 mila franchi, in pratica in linea con quanto preventivato (477 mila circa). L’esercizio 2020 di Biasca non ha dunque subito più di quel tanto i contraccolpi della pandemia. Di molto inferiori, in ogni modo, gli investimenti netti: 2,4 milioni rispetto ai 5,4 ipotizzati. Il risultato è stato reso possibile grazie all’evoluzione favorevole di alcune voci, come ad esempio le sopravvenienze d’imposta delle persone fisiche e di quelle giuridiche. A questo proposito l’Esecutivo è convinto che gli influssi sulle entrate fiscali della crisi sanitaria saranno meno importanti di quelli temuti.

La pandemia, appunto. «Nel nostro piccolo, l’economia locale sembra aver tenuto molto bene; dopo aver subito il crollo nel secondo trimestre a seguito del primo lockdown, ha fatto seguito una forte ripresa nel terzo trimestre che ha perso un po’ del suo slancio nel quarto trimestre. Ovviamente determinati consumi non potranno essere facilmente recuperati, come ad esempio nella ristorazione e nel tempo libero», scrive l’Esecutivo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1