Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

L’attesa

Oggi l’arrivo nella Turrita del segretario di Stato americano che discuterà con Ignazio Cassis: la città vive una mattinata tutto sommato tranquilla - GUARDA LE FOTO

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo
Foto Gabriele Putzu

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Foto Gabriele Putzu

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo
Foto Gabriele Putzu

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Foto Gabriele Putzu

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo
Foto Gabriele Putzu

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Foto Gabriele Putzu

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo
Piccola manifestazione anti imperialista in piazza Simen, a pochi passi da Castelgrande: “Mike Pompeo è persona non benvenuta in Svizzera”

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Piccola manifestazione anti imperialista in piazza Simen, a pochi passi da Castelgrande: “Mike Pompeo è persona non benvenuta in Svizzera”

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

Una Bellinzona presidiata e pacifica sta aspettando Mike Pompeo

BELLINZONA - Nonostante i numerosi agenti di polizia che presidiano il centro storico, con un occhio vigile sugli accessi a Castelgrande, è una Bellinzona tutto sommato tranquilla e (quasi) normale quella che si è svegliata stamattina attendendo la visita del segretario di Stato USA Mike Pompeo, prevista a breve. Abitanti e turisti seduti nelle terrazze dei bar prendendo il caffé, qualcuno che porta a spasso il cane, altri che acquistano il giornale in edicola, famiglie già in sella e altre sacco in spalla approfittando di una giornata che si annuncia di sole cocente, strade quasi deserte, una pace apparente, molto silenzio. Insomma, è la Turrita che ritroviamo quasi ogni domenica, così come normale è stato il sabato sera. La differenza, oltre agli addetti comunali intenti a lustrare il centro, la fa appunto l’importante dispositivo di sicurezza all’opera già da ieri, quando la fortezza principale della capitale è diventata fortezza per davvero, come ai suoi albori: completamente blindata. Da via Orico, piazza del Sole e piazza Nosetto gli agenti coadiuvati dai militi della Protezione civile sono pronti a fermare qualsiasi incursione. Il numero uno della politica estera americana giungerà in città ovviamente scortatissimo, e allora sì, Bellinzona assumerà un’aria marziale, mentre sulle strade vanno messi in conto dei disagi. Mike Pompeo incontrerà quindi il suo omologo elvetico, Ignazio Cassis, per affrontare i dossier diplomatici che uniscono i due Paesi in interessi comuni, e ne riferiranno alla stampa. Ieri, ricordiamo, il segretario di Stato americano, un fedelissimo del presidente Trump, è stato a Palazzo federale a Berna e ha poi raggiunto Montreux per la 67. conferenza Bilderberg. Ora, appunto, tocca alla capitale ticinese, per una giornata di nuovo storica quasi 21 anni dopo la visita del presidente francese Jacques Chirac.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 1