Verso la proibizione del bump stock negli Stati Uniti

WASHINGTON - L'Amministrazione Trump intende annunciare che metterà al bando il bump stock, il dispositivo che potenzia le armi semiautomatiche. Il bump stock aveva catturato l'attenzione l'anno scorso durante la strage di Las Vegas, quando il killer Stephen Paddock lo usò per uccidere 58 persone durante un concerto. Fin da allora il presidente Trump promise che avrebbe reso illegale il dispositivo, finora considerato un accessorio. Con il nuovo provvedimento, chiunque è un possesso di un bump stock avrà 90 giorni di tempo per distruggerlo oppure consegnarlo alle autorità. Il bump stock permette di trasformare un'arma da fuoco semiautomatica in una che di fatto è automatica e quindi in grado di sparare a raffica e non solo colpo per colpo.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Bellinzona
  • 1
  • 2
    RIVIERA

    «La nostra acqua potabile è di qualità?»

    Biasca: interpellanza del consigliere comunale leghista Fabrizio Totti all’indirizzo del Municipio del Borgo: «Quale è la situazione dell’eventuale contaminazione di prodotti di degradazione di fitosanitari?»

  • 3
    Concorso

    Natale a Bellinzona, ecco la vetrina più apprezzata

    Primo premio tra le attività economiche attive nel Comune aggregato alla S. Morisoli & Figli SA di Monte Carasso - Si è così chiusa un’edizione della manifestazione necessariamente soft a causa della pandemia

  • 4
    TURISMO

    Che splendore quei castelli: mai così tanti svizzeri

    Nel 2020, in particolare nel secondo semestre, si è registrata un’affluenza record di visitatori elvetici: +47% rispetto al 2019, per un totale sull’arco dell’anno di oltre 32.000 - In netta crescita anche i ticinesi - Boom di entrate alla mostra dedicata a Leonardo da Vinci al Sasso Corbaro

  • 5
    Virus e finanze

    L’ondata della perequazione

    Il gruppo di lavoro istituito in risposta alla pandemia ha individuato una soluzione controversa: i contributi di livellamento subiranno una temporanea modifica - Per tre anni i Comuni ticinesi più ricchi pagheranno il 7% in meno, a risentirne saranno gli enti locali fiscalmente deboli

  • 1