Bixio Caprara lascia, non raddoppia

politica

Il presidente del PLR non solleciterà un nuovo mandato alla testa del partito – L’annuncio stasera al Comitato cantonale a Lugano

Bixio Caprara lascia, non raddoppia
©PLR

Bixio Caprara lascia, non raddoppia

©PLR

(Aggiornato alle 21.15) Il presidente del PLR Bixio Caprara si fermerà ad un mandato. Eletto alla testa dei liberali radicali il 5 febbraio 2017, lascerà questa estate e immediatamente dopo, a settembre, si terrà il Congresso chiamato ad eleggere il suo sostituto. L’annuncio è stato dato questa sera, durante il Comitato cantonale del partito, a Palazzo dei Congressi a Lugano. I motivi alla base della sua scelta, ha detto Caprara, sono di natura personale, non politici. Bixio Caprara continuerà a lavorare «con mani, testa e cuore per il partito» fino alla designazione del suo successore, che avverrà con ogni probabilità nel corso dell’autunno: «Proseguirò il lavoro senza riserve fino designazione di un successore, questo ve lo posso assicurare - ha detto -. Ma ho maturato anche la convinzione che il processo di cambiamento e di rilancio deciso e avviato debba essere sconnesso da una specifica dirigenza. Il cambiamento deve partire dalla nostra base e rispondere alle esigenze e alle aspettative dei liberali radicali ticinesi e di chi si riconosce nei valori di libertà, coesione e progresso. Personalmente ho sempre ricavato la spinta dall’entusiasmo e dalla motivazione che ho sempre trovato nelle nostre sezioni e nella nostra base. Il processo in corso sta smuovendo e coinvolgendo questa nostra base e sarà la spinta per la nuova dirigenza del partito».

Nei prossimi giorni l’Ufficio presidenziale si riunirà per definire l’istituzione di una Commissione cerca.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    La pandemia non contagia i conti dell’ambulanza

    SALVA

    Malgrado le difficoltà operative, soprattutto al lockdown, nel 2020 meno costi a carico dei Comuni convenzionati del Locarnese e Valli – Primi mesi comprensibilmente tranquilli ma dopo le riaperture si sono raggiunte cifre record per un totale di 5.562 interventi

  • 2

    La storia controcorrente del negozietto che riapre

    Castel San Pietro

    Il negozietto in centro paese ha cessato l’attività dall’oggi al domani e la popolazione lo ha scoperto da un cartello affisso in vetrina - Le difficoltà economiche però erano note e il Municipio si sta già attivando per riaprire la Cooperativa - La sindaca: «Inimmaginabile restare senza»

  • 3

    Dalla città alla montagna per realizzare un sogno

    LA STORIA

    Il giovane dottore Matteo Dell’Era da inizio giugno sarà attivo in uno studio di Airolo - Lascia Lugano dove è nato e cresciuto per un’esperienza in una valle come ha sempre desiderato - «Il medico di famiglia in periferia deve fare tutto, diventa un punto di riferimento per la comunità»

  • 4

    «L’incognita della frana rimane, partire era inevitabile»

    Preonzo

    Delle sette ditte attive fino a un decennio fa ai piedi del Valegiòn ne rimarrà solo una - Luca Genetelli parla della sua esperienza quasi trentennale a capo della Betra SA che nei prossimi giorni inizierà i lavori di costruzione della nuova sede nella zona industriale di Castione

  • 5
  • 1
  • 1