logo

Consegnati i diplomi del Centro professionale sociosanitario infermieristico

Sono 37 gli studenti che hanno concluso il loro percorso formativo - Un passo importante in termini di rinnovo delle risorse umane per il settore sanitario ticinese che conosce un continuo e alto fabbisogno

Maffi
 
17
maggio
2018
18:30
Red. Online

BELLINZONA - Si è tenuta oggi al Centro Spazio Aperto a Bellinzona la consegna dei diplomi agli studenti che hanno frequentato i corsi di formazione della scuola specializzata superiore in cure infermieristiche (SSSCI) di Bellinzona e Lugano. Per la cerimonia erano presenti il consigliere di Stato Manuele Bertoli, Patrick Morger, direttore del Centro professionale sociosanitario infermieristico e Andrea Boffini, capoufficio della formazione sanitaria e sociale. 

Quest'anno, nel percorso con inizio primaverile, hanno terminato la formazione e ottenuto il diploma di infermiere SSS un totale di 37 studentesse e studenti. Le formazioni alla scuola specializzata e superiore (SSSCI) s'inseriscono nell'ambito dell'organizzazione formativa sociosanitaria proposta nel nostro cantone. La SSSCI è inserita del sistema formativo svizzero nel livello terziario B. Nelle due sedi scolastiche di Bellinzona e Lugano la SSSCI forma oggi 480 studenti nei seguenti programmi: Infermieri diplomati SSS, Soccorritori diplomati SSS, Infermieri esperti SPD in Cure intensive, Anestesia e Cure urgenti - pronto soccorso.

Particolarmente importante, in ragione della complessità dei settori della medicina in area critica, è il contributo che la SSSCI dà alla formazione del personale infermieristico altamente specializzato. I programmi sono costruiti in stretta collaborazione con il mondo del lavoro. I profili professionali e le competenze a essi associati corrispondono pertanto alle esigenze della realtà lavorativa. Le formazioni sono organizzate in corsi blocco e in stage pratici nei servizi di cura.

La particolarità di poter diplomare neo-infermieri è importante in termini di rinnovo delle risorse umane per il settore sanitario ticinese che conosce un continuo e alto fabbisogno di professionisti delle cure.

 L'elenco dei diplomati

Prossimi Articoli

Un'indennità per i frontalieri

La SECO vuole estendere anche ai lavoratori provenienti da oltreconfine il diritto al cosiddetto "guadagno intermedio" - L'OCST: "Un fulmine a ciel sereno"

Settore bancario in crisi, persi 240 posti

L'assemblea dell'ABT al LAC di Lugano, dove è emersa preoccupazione per una situazione definita critica

Nulla di fatto sui ristorni e l’accordo fiscale

Vertice tra Consiglio di Stato e il neopresidente della Regione Lombardia Attilio Fontana - I temi caldi sono stati toccati solo marginalmente

Edizione del 26 maggio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top