logo

“Faremo il possibile per aiutare i dipendenti”

La Diocesi di Lugano fa sapere che dopo la decisione del pretore, cercherà di creare un fondo di solidarietà per i collaboratori del Giornale del Popolo

CdT
 
18
maggio
2018
14:12
Red.Online

LUGANO - Una volta che il pretore si sarà pronunciato "sarà fatto tutto il possibile per creare un fondo di solidarietà e di aiuto per i dipendenti" del Giornale del Popolo. Lo fa sapere la Diocesi di Lugano in un comunicato diffuso venerdì pomeriggio. Il vescovo di Lugano Valerio Lazzeri conferma di avere a cuore la sorte delle collaboratrici e dei collaboratori del quotidiano, come già annunciato nel comunicato stampa di ieri e nell'editoriale uscito sull'edizione odierna del GdP (vedi suggeriti). "Compatibilmente a quanto richiede la legge in caso di deposito dei bilanci, è sempre stato suo vivo desiderio avere un'attenzione e una cura alle persone, nel solco della dottrina sociale della Chiesa", si legge nella nota.

Articoli suggeriti

Il GdP va in bianco per l`ultima edizione

Venti pagine completamente spoglie, fatta eccezione per la prima con l'editoriale del Vescovo Lazzeri e un trafiletto ai lettori della direttrice Zumthor, che parla di "annuncio shock"

GdP, giornalisti in lacrime e furiosi

"È una situazione inaccettabile, un datore di lavoro etico come la Curia non può fare queste cose" - L'ATG: "Presentare un piano sociale è obbligatorio"

Zumthor lancia un appello per salvare il giornale

GIORNALE DEL POPOLO - Il buco sarebbe di circa 400 mila franchi e al momento per la trentina di dipendenti del quotidiano non è previsto un piano sociale

Il Giornale del Popolo chiude

La drastica decisione è stata presa giovedì dall'editore in conseguenza della difficilissima situazione finanziaria - La Curia: i bilanci sono stati depositati quest'oggi alla Pretura di Lugano

Edizione del 26 maggio 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top