logo

Decretato il fallimento del Giornale del Popolo

La Pretura di Lugano si è espressa - "La società riscontrava da tempo crescenti difficoltà economico-finanziarie" spiega la Curia in una nota stampa

Reguzzi
 
05
giugno
2018
12:43
Red. Online

LUGANO - La Pretura di Lugano ha decretato il fallimento della Nuova Società Editrice Giornale del Popolo S.A. Massagno, con effetto alla data odierna, 5 giugno 2018.

"La società - si legge nella comunicazione inviata dalla Curia Vescovile - riscontrava da tempo crescenti difficoltà economico-finanziarie nell'esercizio della propria attività, dettate principalmente dalla generale contrazione del mercato editoriale, dalla riduzione del numero di abbonati e dall'importante calo dei proventi della pubblicità".

La nota della Curia prosegue: "Nei primi mesi dell'anno 2018, in particolare a causa della perdita sopportata nell'ambito del fallimento di Publicitas, si è venuta a creare una situazione di eccedenza di debiti - verso i fornitori e verso i dipendenti per tredicesime in maturazione e contributi sociali - che ha imposto all'Amministratore unico il deposito al Giudice del fallimento dei conti al 31 marzo 2018 in ottemperanza alle disposizioni di legge in materia".

E ancora: "A fronte della inaspettata e repentina cessazione dell'attività del partner pubblicitario, che avrebbe dovuto procurare al GdP introiti rappresentanti circa il 40% dei ricavi societari, la già precaria situazione si è tramutata in un gravissimo stato di carenza di liquidità che non ha permesso di far fronte ai debiti accumulati e, aspetto quest'ultimo ancora più decisivo, di totale improbabilità di disporre in futuro delle risorse finanziarie necessarie per il pagamento dei costi d'esercizio (ammontanti per il 2018 a circa 4 milioni e 650.000 franchi annuali, 388.000 mensili).
Preso atto di quanto sopra, alfine di scongiurare un ulteriore aggravamento dell'esposizione debitoria verso i collaboratori e verso i fornitori, l'Editore ha suo malgrado dovuto interrompere la stampa del quotidiano in attesa della decisione – giunta stamane - della competente Autorità giudiziaria".

"L'attenzione del Vescovo – come già più volte comunicato – è stata da subito focalizzata sulle misure da adottare, al fine di accompagnare in maniera concreta le collaboratrici e i collaboratori del Giornale, che sono rimasti senza posto di lavoro. In questa direzione il Vescovo sta proseguendo, coinvolgendo le varie forze che si sono rese disponibili al raggiungimento di tale scopo" conclude la nota.

Articoli suggeriti

Il GdP si ferma anche sul web

Lo comunica la redazione online del foglio luganese, che parla di "pausa di riflessione"

Il Giornale del Popolo non è in edicola

È stata decisiva l'opposizione del vescovo Valerio Lazzeri - Lanciata una raccolta fondi, un investitore si sarebbe fatto avanti per salvare il quotidiano

“Un investitore potrebbe esserci”

Mentre i giornalisti continuano a lavorare, non sapendo se il GdP uscirà, una persona "facoltosa" potrebbe intervenire economicamente

“Faremo il possibile per aiutare i dipendenti”

La Diocesi di Lugano fa sapere che dopo la decisione del pretore, cercherà di creare un fondo di solidarietà per i collaboratori del Giornale del Popolo

Solidarietà al GdP dai giornalisti sportivi

L'Associazione Ticinese Giornalisti Sportivi esprime tristezza e preoccupazione per la scomparsa dello storico quotidiano cattolico

Il GdP va in bianco per l`ultima edizione

Venti pagine completamente spoglie, fatta eccezione per la prima con l'editoriale del Vescovo Lazzeri e un trafiletto ai lettori della direttrice Zumthor, che parla di "annuncio shock"

Una sconfitta per la stampa e il pluralismo

L'EDITORIALE DI FABIO PONTIGGIA SUL FALLIMENTO DEL GIORNALE DEL POPOLO

Marcello Foa: “Una perdita per la cultura ticinese”

Il CEO del Gruppo Corriere del Ticino commenta la chiusura del GdP: "Per il fallimento di Publicitas, un glorioso giornale paga il prezzo più alto"

“Un media che si spegne rende più fragile la democrazia”

Chiusura del GdP: la reazione dei consiglieri di Stato Manuele Bertoli e Paolo Beltraminelli su Facebook - Lugano: "Grazie per il lavoro svolto per la libera formazione delle opinioni"

GdP, giornalisti in lacrime e furiosi

"È una situazione inaccettabile, un datore di lavoro etico come la Curia non può fare queste cose" - L'ATG: "Presentare un piano sociale è obbligatorio"

Il Giornale del Popolo chiude

La drastica decisione è stata presa giovedì dall'editore in conseguenza della difficilissima situazione finanziaria - La Curia: i bilanci sono stati depositati quest'oggi alla Pretura di Lugano

Edizione del 23 ottobre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top