logo

Imposta di circolazione, si pagherà il 5% in meno

Il Consiglio di Stato ha modificato il preventivo 2019 riducendo di 5 milioni di franchi il ricavo previsto

Maffi
 
11
luglio
2018
13:36
Red. Online

BELLINZONA - Il Consiglio di Stato, su proposta del Dipartimento delle istituzioni ha modificato il preventivo 2019 del Cantone, riducendo di cinque milioni di franchi il previsto ricavo dell'imposta di circolazione; i detentori di veicoli immatricolati in Ticino riceveranno di conseguenza una riduzione media di quasi il 5% sull'importo dovuto per il 2019. La correzione è destinata a rimanere in vigore in modo duraturo sui prossimi anni.

Dopo che la Camera di diritto tributario del Tribunale d'appello aveva parzialmente accolto tre ricorsi contro le imposte di circolazione per gli anni 2017 e 2018, il Dipartimento delle istituzioni aveva proposto al Consiglio di Stato di restituire gli importi versati in eccesso non solo ai ricorrenti, ma a tutti gli automobilisti ticinesi confrontati allo stesso problema. Nella seduta della scorsa settimana – dedicata all'analisi di alcuni dossier finanziari – il Consiglio di Stato ha analizzato nel dettaglio la questione, e ha deciso di dare seguito parzialmente alla richiesta del Dipartimento.

Dopo aver analizzato le possibili modalità di restituzione, alfine di garantire la stabilità a lungo termine delle finanze cantonali, il Governo ha deciso di ridurre di cinque milioni di franchi l'importo totale prelevato ogni anno tramite l'imposta di circolazione delle automobili. A preventivo per il 2019 saranno quindi inseriti 107,5 milioni di franchi, al posto di i 112,5 milioni inizialmente previsti. Ne consegue che i detentori di veicoli immatricolati in Ticino riceveranno una riduzione media di quasi il 5% sull'importo dovuto per il 2019.

Il Consiglio di Stato sottolinea infine che la diminuzione di cinque milioni di franchi del prelievo sarà inserita nel Preventivo 2019 tramite un apposito decreto di legge; la modifica è inoltre destinata a confluire nel controprogetto – che sarà presentato nei prossimi mesi – del Consiglio di Stato alle due iniziative popolari pendenti che riguardano l'imposta di circolazione.

Prossimi Articoli

“Una grande delusione, il progetto ora si blocca”

Il direttore del DECS Manuele Bertoli commenta la decisione negativa dei ticinesi sulla sperimentazione de "La scuola che verrà" - Altre reazioni

"Dobbiamo evitare battute d'arresto"

"LA SCUOLA CHE VERRÀ"/DOPO IL VOTO - La reazione del Consiglio di Stato, che in una sua presa di posizione si dice rammaricato del risultato

“La scuola che verrà” non ha passato l'esame

Il credito per la sperimentazione delle riforma è stato bocciato con il 56.7% dei contrari - Tra i Comuni interessati solo Tesserete ha votato a favore - Partecipazione al 40%

Edizione del 24 settembre 2018
Segui il CdT sui social
Mobile
Scopri le offerte su misura per te
con la CdT Club Card
Top