Cardiocentro ed EOC firmano per il trasferimento

sanità

Siglato il contratto per l’integrazione dell’ospedale del cuore nell’Ente Ospedaliero Cantonale

Cardiocentro ed EOC firmano per il trasferimento
©CdT/Chiara Zocchetti

Cardiocentro ed EOC firmano per il trasferimento

©CdT/Chiara Zocchetti

Oggi il Consiglio della Fondazione Cardiocentro Ticino (FCCT) e il Consiglio di amministrazione dell'Ente Ospedaliero Cantonale (EOC) hanno siglato il contratto per l’integrazione dell’ospedale del cuore nell’EOC. Lo annuncio arriva ztramite un comunicato stampa congiunto, in cui si legge: «La firma pone il sigillo su di un anno di intenso lavoro, dove le direzioni dei due istituti e i rispettivi Consigli, nonostante le difficoltà intervenute con la COVID-19, hanno operato fianco a fianco per definire i dettagli di un’intesa che segna l’inizio di un nuovo importante capitolo nella storia della cardiologia e della sanità del Cantone Ticino. La Fondazione FCCT, fondata 25 anni fa dal dr. Eduard Zwick, grazie al supporto e alla visione lungimirante del professor Tiziano Moccetti e alla sua infaticabile dedizione a favore dei pazienti cardiopatici ticinesi, ha costruito l'odierno Cardiocentro nelle immediate vicinanze dell'Ospedale Civico di Lugano, guidandone lo sviluppo sino a diventare uno dei centri di riferimento per la cardiologia a livello nazionale. Il Cardiocentro entrerà ora a far parte dell'istituzione di diritto pubblico dell’Ente Ospedaliero Cantonale, in conformità con lo statuto della Fondazione. Il Cardiocentro continuerà ad operare da Lugano. Sarà un istituto indipendente, all’interno di EOC, con una propria direzione d’istituto, pienamente integrato nell’EOC, ma con la possibilità di mantenere le caratteristiche e le peculiarità di quel “modello Cardiocentro”, alla base dei successi degli ultimi vent’anni dell’ospedale del cuore, così come previsto dagli accordi siglati dalle parti alla presenza del Consiglio di Stato il 9 agosto 2019». La nota continua: «Ancora alcuni passi formali separano la convenzione firmata oggi dall’entrata in vigore: innanzitutto, dovrà essere approvata dall'Autorità di Vigilanza sulle Fondazioni (Vigilanza sulle fondazioni e LPP della Svizzera orientale) di Muralto, la quale autorità ordinerà successivamente l'iscrizione del trasferimento del patrimonio nel registro di commercio al momento dell'approvazione del contratto. Una volta pubblicato tale passo nel registro di commercio, la Fondazione FCCT sarà formalmente sciolta e cancellata dall'Autorità di vigilanza sulle Fondazioni. Dal 1. gennaio 2021 il nuovo Istituto Cardiocentro Ticino sarà gestito nell'ambito dell'Ospedale Multisito EOC e pressoché la totalità dei circa 400 collaboratori del Cardiocentro entreranno a tutti gli effetti a far parte della famiglia dell’Ente Ospedaliero Cantonale. I vertici delle due strutture sono molto soddisfatti del clima collaborativo e di fiducia in cui si sono svolti i lavori e sono pienamente soddisfatti del contratto sottoscritto quest’oggi. Il Consiglio della Fondazione Cardiocentro Ticino e il Consiglio di amministrazione dell’Ente Ospedaliero Cantonale sono convinti che l’intesa odierna getti basi solide affinché i pazienti cardiopatici ticinesi continuino ad essere curati secondo i valori e l’eccellenza che hanno contraddistinto la ventennale attività dell’ospedale del cuore e che contraddistingue anche l’operato degli istituti dell’EOC».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Una matassa da sbrogliare sul congedo parentale

    Politica

    La norma approvata dal Parlamento continua a far discutere: c’è grande incertezza giuridica sulla sua applicazione poiché potrebbe non essere conforme al diritto superiore - Il Giura lo scorso anno ha depositato un’iniziativa alle Camere federali per chiedere di concedere ai Cantoni la competenza in materia

  • 3

    Finalmente una rotonda alla Migros di Taverne

    Mobilità

    Inizieranno a breve i lavori sulla strada cantonale - Si vuole sistemare una volta per tutte la viabilità - Il ponte sul Vedeggio sarà pronto in maggio e il Comune continua a sperare in una nuova fermata ferroviaria alla Riseria

  • 4

    «Test in azienda per tutti, non solo sui frontalieri»

    pandemia

    Il direttore di AITI Stefano Modenini si dice favorevole ad aumentare i tamponi rapidi sui lavoratori, ma respinge l’ipotesi di un controllo sistematico al confine: «Si rischia di paralizzare il cantone, creando tensioni con l’Italia»

  • 5

    I ricorsi e il mistero del rogo di pneumatici

    Mendrisio

    Proprietario del terreno e società di smaltimento si sono rivolti al Consiglio di Stato per opporsi alla decisione del Municipio di accogliere altre gomme da riciclare - Si attendono rivelazioni dall’inchiesta aperta per capire se l’incendio è stato doloso oppure no

  • 1
  • 1