«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

Ticino

Il centro della Protezione civile di Rivera ha accolto i primi anziani over 85 per la somministrazione del vaccino - Gobbi: «Tappa importante di un lungo percorso» - De Rosa: «Puntiamo alle 200 dosi al giorno» - Pedevilla: «Tutto ha funzionato bene»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»
© KEYSTONE/Alessandro Crinari

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

© KEYSTONE/Alessandro Crinari

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

«Con una puntura ci riprendiamo la nostra vita»

Al centro della Protezione civile di Rivera, oggi li si vedeva arrivare a coppie; chi col marito, chi con la figlia o con il genero. Era la loro giornata: gli over 85 che si sono annunciati hanno potuto ricevere la prima dose di vaccino. «Il medico che mi ha fatto l’iniezione aveva una mano fatata», ci ha raccontato Gianna, 95 anni, una volta uscita. «Tutti bravi, molto gentili. Non ho avuto nemmeno un po’ di paura», ci confida. «Quando ho saputo che potevo vaccinarmi non ho esitato un attimo, anche perché vivo con la famiglia di mia figlia e avevo paura che si ammalassero per colpa mia». «Lei non aspettava altro - ha continuato la figlia - e anche noi siamo molto sollevati. Abbiamo vissuto quasi un anno col timore di poterla contagiare. Le vietavo di fare tutto, e adesso sono contenta che...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1