Buoni spesa e mascherine protettive nella fascia di confine

pandemia

Si è mobilitata la macchina italiana degli aiuti per far fronte all'emergenza COVID-19 - Molte le richieste di sostegno nelle province vicine al Ticino dopo la luce verde del Governo Conte ai 400 milioni di euro per i Comuni

 Buoni spesa e mascherine protettive nella fascia di confine
EPA/Mourad Balti Touati

Buoni spesa e mascherine protettive nella fascia di confine

EPA/Mourad Balti Touati

L'allarme pandemia in Lombardia resta ai massimi livelli e ciò indipendentemente dalle zone interessate a nord o a sud della Pianura padana. Proprio da domani entrerà anche in vigore l’obbligo di indossare la mascherina per uscire di casa. Sul fronte italiano della Valle della Tresa la Covid19 non ha però raggiunto la virulenza di altre aree più a rischio della regione, dove il virus - come noto - ha colpito in maniera particolarmente forte, con un bilancio complessivo (aggiornato a sabato 4 aprile) di 47.520 persone risultate positive al coronavirus a fronte di 8.311 morti e una fortissima concentrazione di casi di contagio e di decessi nelle province di Milano e di Bergamo (pur con qualche decrescita incoraggiante proprio nella Bergamasca dallo scorso lunedì).

Ma le amministrazioni locali,...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Confine
  • 1
  • 1