Con tre chili di cocaina al confine

In manette un disoccupato macedone - La droga era nascosta in un doppiofondo dell'auto - IL VIDEO

Con tre chili di cocaina al confine

Con tre chili di cocaina al confine

CHIASSO/COMO - Tre chilogrammi di cocaina nascosti nell'auto. È il carico che trasportava un 40enne, cittadino macedone disoccupato, fermato al valico di Brogeda dai militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, mentre usciva dalla Svizzera. La notizia, anticipata da alcuni portali online, è stata confermata oggi da un comunicato della Guardia di Finanza.

Alle domande di rito degli agenti l'uomo ha dichiarato di rientrare dall'Olanda per dirigersi in Albania. È stato il fatto che, pur essendo disoccupato, guidasse un'autovettura di grossa cilindrata, una BMW Serie7, che ha insospettito i finanzieri, facendoli propendere per un controllo doganale approfondito, con cani antidroga. Proprio il fiuto di uno di loro ha permesso, rimuovendo il parafanghi anteriore sinistro, di scoprire un doppiofondo vuoto ma con tracce di sostanza stupefacente. Il controllo è proseguito sul lato destro dove è stato rinvenuto un ulteriore doppiofondo contenente 3 panetti di cocaina dal peso di circa 1 chilogrammo lordo ciascuno. I panetti erano occultati nel nastro isolante marrone. 

Il trafficante è stato arrestato e condotto al carcere del Bassone (Como) a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. La sostanza stupefacente, due telefoni cellulari, la Bmw serie 7 ed altri oggetti utili allo sviluppo delle indagini, sono stati sottoposti a sequestro. La legge prevede per il traffico internazionale di sostanze stupefacenti una pena che varia dai 6 ai 20 anni di reclusione ed una multa da 26.000 a 260.000 euro.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Confine
  • 1
    Confine

    Si prende a coltellate alla dogana di Chiasso

    È successo questa sera al confine: l’uomo si è inflitto ferite alle gambe, alle braccia e alla pancia - Avrebbe anche minacciato i finanzieri, è stato portato via in ambulanza

  • 2
  • 3
    SVIZZERA

    Berna non ascolta il Ticino: la spesa in Italia anche senza pass

    Per entrare in Svizzera certificato COVID o doppio tampone, il secondo tra il quarto e il settimo giorno dall’arrivo, e PLF per tutti – Ma il Consiglio federale tiene conto degli stretti rapporti commerciali, sociali e culturali con le regioni di confine – Tamponi a pagamento? Nessun dietrofront, ma forse «eccezioni»

  • 4
    italia

    Malpensa allagata: salvate 10 persone rimaste bloccate in auto

    Il nubifragio di questo pomeriggio ha obbligato lo scalo a una sospensione temporanea dei voli - Per l’evacuazione di altre trenta persone rimaste bloccate dall’acqua nella zona cargo, i vigili del fuoco hanno dovuto utilizzare un gommone - Foto e video

  • 5
    IL CASO

    «Siamo la regione più sicura d’Italia: attendiamo con serenità Berna»

    Pandemia ed eventuale stretta al confine, parla l’assessore della Regione Lombardia Massimo Sertori: «Come tutte le regole hanno degli aspetti positivi e negativi: sarà importante valutare la situazione epidemiologica, ma da noi oltre l’80% della popolazione è vaccinata» - Norman Gobbi: «Come non ricordare la sempre ostica e incerta interpretazione dei decreti ministeriali italiani...»

  • 1