Dalla Svizzera all’Italia senza tampone

Confine

Lo comunica il senatore del PD Alessandro Alfieri: «Risultato importante per il nostro commercio, i servizi e per chi ha affetti che oltrepassano il confine» - Ci si potrà spostare fino a 60 km dal proprio domicilio compilando unicamente il «Passenger Locator Form» – Massimo Mastromarino: «La gioia sopravanza la stanchezza»

Dalla Svizzera all’Italia senza tampone
© CdT/Gabriele Putzu

Dalla Svizzera all’Italia senza tampone

© CdT/Gabriele Putzu

«I cittadini svizzeri potranno venire in Italia senza doversi sottoporre al tampone. Sono molto contento di questo risultato che é importante per il nostro commercio, i servizi e per chi ha affetti che oltrepassano il confine. Non é stato facile, fino a ieri notte ho lavorato insieme ai tecnici del Ministero e l’obiettivo è stato raggiunto per il bene del nostro territorio. Questo risultato è figlio della tenacia dei rappresentanti istituzionali del Partito Democratico dei territori di frontiera. Ringrazio il Ministro della salute per la collaborazione dimostrata. I cittadini italiani potranno entrare in Svizzera con le stesse modalità». Lo scrive il senatore del PD Alessandro Alfieri su Facebook che, contattato dal CdT, ha fatto sapere che la misura, che sarà pubblicata domani sulla Gazzetta ufficiale, «entrerà in vigore già oggi, quando la comunicazione dell’ordinanza arriverà ai posti di frontiera». Il senatore italiano spiega: «Ci si potrà spostare fino a 60 km dal proprio domicilio, per fare un esempio: chi abita a Ponte Tresa potrà arrivare quasi fino a Milano, mentre chi abita nella zona di Bellinzona potrà raggiungere Varese». Si potrà rimanere in Italia per 24 ore dall’attraversamento del confine. Non serviranno tamponi, ma è richiesta la compilazione del «Passenger Locator Form». Non sarà necessario annunciarsi all’ATS. Alfieri si dice soddisfatto del risultato dopo tre settimane di lavoro per sbloccare la situazione nelle zone di frontiera.

«La gioia sopravanza la stanchezza»

Soddisfatto, va da sé, il sindaco di Lavena Ponte Tresa Massimo Mastromarino, fra l’altro presidente dell’Associazione comuni italiani di frontiera. «Sentire la responsabilità di rappresentare la propria comunità e le comunità di frontiera ti obbliga all’impegno incessante e continuo nel rappresentare le nostre istanze» afferma. «Questa sera il Ministro Speranza ha firmato l’ordinanza che consente l’ingresso in Italia dalla Svizzera senza più necessità di tampone o di altra limitazione per 24 ore per una fascia di 60 chilometri. La gioia sopravanza la stanchezza». Quindi, una serie di grazie. «A tutti voi commercianti, cittadini di frontiera, associazioni» nonché ai «rappresentanti politici locali». «Avete dato forza alla nostra voce» conclude Mastromarino. «La fascia di confine deve tornare a vivere».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Confine
  • 1

    Malpensa allagata: salvate 10 persone rimaste bloccate in auto

    italia

    Il nubifragio di questo pomeriggio ha obbligato lo scalo a una sospensione temporanea dei voli - Per l’evacuazione di altre trenta persone rimaste bloccate dall’acqua nella zona cargo, i vigili del fuoco hanno dovuto utilizzare un gommone - Foto e video

  • 2

    «Siamo la regione più sicura d’Italia: attendiamo con serenità Berna»

    IL CASO

    Pandemia ed eventuale stretta al confine, parla l’assessore della Regione Lombardia Massimo Sertori: «Come tutte le regole hanno degli aspetti positivi e negativi: sarà importante valutare la situazione epidemiologica, ma da noi oltre l’80% della popolazione è vaccinata» - Norman Gobbi: «Come non ricordare la sempre ostica e incerta interpretazione dei decreti ministeriali italiani...»

  • 3
  • 4

    «La spesa in Italia soltanto con il pass»

    il decodificatore

    Nel rispondere alla consultazione sui provvedimenti per i non vaccinati che arrivano o tornano dall’estero il Cantone ha avanzato alcune proposte, tra cui l’obbligo di quarantena solo per chi proviene da Paesi a rischio – Per il Consiglio di Stato, inoltre, chi rientra in Ticino dopo aver fatto acquisti in Italia dovrà presentare il pass COVID – La decisione finale del Consiglio federale è attesa nella giornata di venerdì

  • 5

    Il luogo dove aiutava tutti sarà per sempre di don Roberto

    Como

    A un anno esatto dall’omicidio del parroco, la Città sul Lario gli dedicherà la piazzetta davanti alla sua parrocchia - È il posto da dove ogni mattina partiva per portare la colazione ai senzatetto - Settimana prossima scatta il processo all’uomo che lo uccise

  • 1
  • 1