Danni e allagamenti anche nel Comasco

CONFINE

Il maltempo ha colpito duro anche nella provincia lariana: a Laglio distrutti alcuni punti del lungolago, a Cernobbio auto trascinate via dall’acqua - VIDEO

 Danni e allagamenti anche nel Comasco

Danni e allagamenti anche nel Comasco

Auto trascinate da torrenti in piena, colate di fango, strade interrotte. Resta pesante la situazione nel Comasco per l’ondata di maltempo delle ultime ore, che ha colpito soprattutto la sponda occidentale del Lario da Cernobbio fino a Colonno e la valle d’Intelvi.

Non a caso è la zona in cui le sponde sono molto ripide, con le montagne che scendono direttamente nel lago e dove l’acqua scaricata in grande quantità durante la notte, precipita a valle a velocità sostenuta. Non sono al momento segnalati feriti ma ingentissimi sono i danni.

Pesante la situazione a Cernobbio, dove varie rogge hanno invaso le strade e raggiunto le case. Sono molti i paesi isolati: la statale Regina risulta interrotta tra Cernobbio e Moltrasio, poi a Brienno e a Colonno, Impraticabile anche la via alternativa nel Basso Lario: la provinciale 71 è interrotta a Carate Urio e a Laglio (dove la furia delle acque ha spazzato via un pezzo di lungolago).

Chiusa anche la provinciale Argegno-Schignano, problemi inoltre tra Nesso e Lezzeno, sulla sponda occidentale del lago, dove un camionista è stato evitato per un soffio da un’improvvisa caduta di massi, alberi e fango sulla carreggiata della ex statale Lariana, che resta interrotta anche all’altezza di Blevio. Centinaia i vigili del fuoco e i volontari, della protezione civile e non solo, chiamati per allagamenti e ripulire dai detriti.

Sotto controllo, almeno per il momento, il livello del Lario che è comunque cresciuto nelle ultime ore.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Confine
  • 1

    Si prende a coltellate alla dogana di Chiasso

    Confine

    È successo questa sera al confine: l’uomo si è inflitto ferite alle gambe, alle braccia e alla pancia - Avrebbe anche minacciato i finanzieri, è stato portato via in ambulanza

  • 2
  • 3

    Berna non ascolta il Ticino: la spesa in Italia anche senza pass

    SVIZZERA

    Per entrare in Svizzera certificato COVID o doppio tampone, il secondo tra il quarto e il settimo giorno dall’arrivo, e PLF per tutti – Ma il Consiglio federale tiene conto degli stretti rapporti commerciali, sociali e culturali con le regioni di confine – Tamponi a pagamento? Nessun dietrofront, ma forse «eccezioni»

  • 4

    Malpensa allagata: salvate 10 persone rimaste bloccate in auto

    italia

    Il nubifragio di questo pomeriggio ha obbligato lo scalo a una sospensione temporanea dei voli - Per l’evacuazione di altre trenta persone rimaste bloccate dall’acqua nella zona cargo, i vigili del fuoco hanno dovuto utilizzare un gommone - Foto e video

  • 5

    «Siamo la regione più sicura d’Italia: attendiamo con serenità Berna»

    IL CASO

    Pandemia ed eventuale stretta al confine, parla l’assessore della Regione Lombardia Massimo Sertori: «Come tutte le regole hanno degli aspetti positivi e negativi: sarà importante valutare la situazione epidemiologica, ma da noi oltre l’80% della popolazione è vaccinata» - Norman Gobbi: «Come non ricordare la sempre ostica e incerta interpretazione dei decreti ministeriali italiani...»

  • 1
  • 1