Gallerie d’oltre frontiera nell’occhio del ciclone

Confine

Due tunnel sulla A9, a pochi passi dalla dogana di Brogeda, non garantirebbero «un livello minimo di sicurezza» - Ma Autostrade per l’Italia rassicura: «Interventi per rispettare le norme antincendio, niente a che vedere con l’integrità strutturale»

Gallerie d’oltre frontiera nell’occhio del ciclone
A pochi passi da Brogeda.  © CdT/Gabriele Putzu

Gallerie d’oltre frontiera nell’occhio del ciclone

A pochi passi da Brogeda.  © CdT/Gabriele Putzu

Due gallerie sulla A9 ben note agli automobilisti ticinesi sono finite, insieme a molte altre, nell’occhio del ciclone nella vicina Penisola poiché la loro sicurezza sarebbe ben al di sotto dei requisiti per garantire «un livello minimo di sicurezza agli utenti». Parliamo della galleria Quarcino, la prima che i ticinesi incontrano uscendo dalla dogana autostradale di Chiasso, e della galleria San Fermo, l’ultima prima del casello autostradale di Grandate.

La vicendaMa andiamo con ordine. La vicenda ha inizio lo scorso 30 dicembre, quando parte della volta della galleria Berté, situata sulla A26 Genova-Gravellona Toce, è crollata senza provocare feriti, ma facendo sorgere numerosi dubbi sullo stato di salute della struttura. Durante le indagini avviate per fare chiarezza sull’accaduto, la Guardia...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1 Paolo Gianinazzi
Ultime notizie: Confine
  • 1

    C’è chi taglia i capelli e chi torna a casa

    Storie di frontiera

    Non avremmo mai pensato di poter avvertire un brivido nel tornare al di là della ramina - Tornare sì, ma rispettando le regole, piacciano o meno. La frontiera, comunque la si giri, da qualsiasi punto la si guardi, fa discutere - Come può dividere, così può unire - Eccone un esempio - LE FOTO

  • 2

    «Ristoranti sì e spesa no? Devono spiegarci le ragioni»

    frontiere

    Non è andata giù ai commercianti oltreconfine la decisione di Berna di proibire fino a nuovo avviso il turismo degli acquisti alla clientela elvetica - Il presidente della Confcommercio di Como Giovanni Ciceri: «Ricorda un embargo, non si capisce la ratio della legge»

  • 3
  • 4
  • 5
  • 1
  • 1