Gli scout ribelli che portarono in Ticino i perseguitati

IL VIDEO

Semplici ragazzini con una strana divisa? Non proprio, con il regista Gianni Aureli, autore del film «Aquile randagie», abbiamo parlato dei giovani che riuscirono a salvare migliaia di vite durante la Seconda guerra mondiale - VIDEO

 Gli scout ribelli che portarono in Ticino i perseguitati

Gli scout ribelli che portarono in Ticino i perseguitati

Gli scout sono qualcosa di più di semplici ragazzini con una strana divisa che giocano. Con il regista Gianni Aureli, autore del film «Aquile randagie», abbiamo scoperto una storia poco nota, di coraggio e umanità. Una vicenda che riporta alla luce la resistenza dei giovani che si sono opposti alle leggi fasciste: la Svizzera e, in particolare, il Ticino furono mete fondamentali per la riuscita delle missioni degli scout, che riuscirono a salvare migliaia di perseguitati durante la Seconda guerra mondiale. Il film «Aquile randagie», dopo il successo in Italia, sarà proiettato sabato 19 settembre alle 20 al centro parrocchiale di Lamone.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Confine
  • 1
  • 1