Il ceceno arrestato fabbricava documenti falsi

terrorismo

Il 35.enne finito in manette a Varese per legami con l’attentato di Vienna avrebbe smistato i documenti in tutta Europa per almeno 4 anni

Il ceceno arrestato fabbricava documenti falsi
© Shutterstock

Il ceceno arrestato fabbricava documenti falsi

© Shutterstock

Avrebbe smistato documenti falsi in tutta Europa «da almeno 4 anni», il ceceno di 35 anni arrestato a Varese mercoledì scorso e indagato per terrorismo internazionale.

Il ceceno sarebbe legato ad una persona che è risultata in collegamento con Kujtimi Fejzulai, l’attentatore che a Vienna il 2 novembre ha ucciso 4 persone prima di essere ammazzato a sua volta dalle forze dell’ordine.

Il ceceno non avrebbe fatto nomi di altre persone coinvolte e ha raccontato di essere arrivato in Italia nel 2017 come richiedente asilo.

Nell’indagine, nel corso di perquisizioni anche a carico di due Ucraini, è stata sequestrata una gran mole di documenti informatici, da tradurre dal ceceno e dal russo, ritrovati in 12 dispositivi tra telefoni e pc. Da approfondire anche presunti legami con cellule coinvolte nei recenti attentati a Parigi e Nizza, oltre che con terroristi con base in Austria.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Confine
  • 1
  • 1