La valle ancora spaccata in due

A 40 giorni dalla grossa frana sulla Strada Provinciale della Val Cannobina, la situazione non sembra migliorata - Disagi in diversi Comuni - FOTO

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

La valle ancora spaccata in due

VERBANIA - Era il 7 di ottobre quando una grossa frana si è staccata cadendo sulla Strada Provinciale dalle Val Cannobina nei pressi di Ponte Falmenta, tagliandola praticamente in due. Ed oggi, come dimostrano le immagini realizzate da Rescue Media, la situazione è rimasta invariata. La Valle è stata spaccata in due all'altezza di Ponte Falmenta, con Spoccia, Cursolo Orasso e Gurro raggiungibili solo dalla Valle Vigezzo. Una situazione che ormai si protrae da 40 giorni senza che nessun intervento sia stato effettuato, sembra a causa delle lungaggini burocratiche e delle competenze degli interventi. Questa situazione sta complicando parecchio la vita agli abitanti dei paesi rimasti parzialmente isolati.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Confine
  • 1
    varesotto

    «Questo lockdown è peggiore del primo»

    I ristoratori italiani della fascia di confine denunciano un clima di paura e d’insicurezza - Nel Comune di Lavena Ponte Tresa, che registra una settantina di contagi, il quadro è sotto controllo, ma l’asporto e la consegna a domicilio dei cibi sono fortemente calati

  • 2
    Pandemia

    Lombardia verso la zona arancione: cosa cambia

    Nella Regione di confine il tasso di positività scende al 12% e l’assessore Gallera annuncia: «Presto allentamento delle misure» - Gli spostamenti oltre confine solo per motivi di lavoro, studio e salute

  • 3
    Confine

    «Prima lavoravo a Chiasso, ora sono senzatetto a Como»

    Nella città sul Lario da pochi giorni ha aperto i battenti un dormitorio per chi non ha una casa - La struttura era attesa da tempo - Tra i primi ospiti c’è Carla che fino a pochi anni fa viveva a Chiasso, dove gestiva un negozio: «È fallito e ho perso tutto: affetti, lavoro, abitazione e soldi»

  • 4
  • 5
  • 1