Maestra insultava e picchiava i piccoli di un asilo nido

Confine

I fatti avvenuti in una struttura del Varesotto, le vittime avevano dai pochi mesi ai due anni

Maestra insultava e picchiava i piccoli di un asilo nido
© CdT/Archivio

Maestra insultava e picchiava i piccoli di un asilo nido

© CdT/Archivio

Giovedì mattina i Carabinieri di Besozzo (VA), in seguito a un’indagine nata dalle segnalazioni pervenute da alcuni genitori dei piccolissimi alunni di un asilo nido del comune di Cocquio Trevisago, hanno notificato a una maestra della stessa struttura una sospensione di sei mesi dall’esercizio del pubblico servizio di insegnante.

In circa due mesi di indagine i militari dell’Arma, coordinati dalla Procura della Repubblica di Varese, hanno documentato una serie di violenze da parte della maestra titolare del nido sui bambini a lei affidati, tutti minori di età compresa tra pochi mesi e i 2 anni. La donna maltrattava i minori con urla, insulti e frasi volgari del tipo «sei proprio un terrone», «guardati, fai schifo» e «piangi che così ti passa».

In alcune occasioni i piccoli sono stati anche percossi con sculacciate e schiaffi e lasciati da soli mentre erano in preda a crisi di pianto. In un caso i genitori hanno riferito che il loro bimbo aveva evidenziato i sintomi tipici delle condotte maltrattanti: insonnia, incubi notturni e reazioni autolesionistiche, segnali che hanno indotto a gli adulti a ritirare il piccolo dall’asilo.

Le dichiarazioni dei genitori hanno consentito di portare alla luce oltre venti condotte illecite commesse dall’indagata a partire dal marzo del 2017. All’interno dell’asilo i Carabinieri hanno filmato anche il compagno della maestra, che quest’ultima ha ammesso di aver «ospitato» all’interno della struttura.

L’uomo è stato ripreso non solo mentre dormiva e si cambiava davanti ai piccoli, ma anche in intimità con l’indagata, che – dopo aver lasciato soli i bambini – si appartava con il compagno all’interno di un locale fuori dalla vista dei minori.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Confine
  • 1
  • 1