Nuovo rogo

Non c’è pace, il Varesotto torna a bruciare

Ancora fiamme in Valganna - Operazioni complicate a causa del vento, traffico in tilt per il fumo in strada

 Non c’è pace, il Varesotto torna a bruciare
(foto YouTube)

Non c’è pace, il Varesotto torna a bruciare

(foto YouTube)

VARESE - Domato un rogo, ne spunta subito un altro. Non c’è pace per il Varesotto: le fiamme hanno ripreso a devastare, quest’oggi all’alba, i boschi della Valganna. Lo riportano i media locali. L’incendio è divampato nella zona montuosa tra l’abitato di Mondonico e il lago di Ghirla. I soccorsi si sono messi subito all’opera per evitare che il fronte dell’incendio si estendesse come quello che ha interessato il monte Martica negli scorsi giorni, in cui sono andati in fumo circa 200 ettari di bosco. Attive cinque squadre dei Vigili del Fuoco, giunte dal Comando provinciale di Varese e dal distaccamento di Laveno Mombello. Le operazioni sono risultate molto complicate a causa del forte vento, ma anche la conformazione del terreno ha creato difficoltà. Secondo Varesenews, un elicottero del Soccorso boschivo regionale è entrato in azione, scaricando acqua a ritmo serrato, insieme a due canadair. La strada della Valganna è rimasta aperta, ma in mattinata il traffico era molto denso, a causa del fumo. Verso mezzogiorno la situazione risultava sotto controllo, ma sono andati in fumo 30 ettari di bosco.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

  • 1
Ultime notizie: Confine
  • 1