Pendolari e turisti più lenti per il nuovo cantiere sull’A9

Viabilità

A causa di lavori nelle gallerie subito fuori dal confine, sul tratto autostradale tra Brogeda e Como Centro si circola a una sola corsia per senso di marcia - Le opere si protrarranno sino a fine mese e hanno già creato parecchi disagi ai frontalieri, a ridosso dell’A9 - Prevedibili code anche per l’esodo dei vacanzieri

Pendolari e turisti più lenti per il nuovo cantiere sull’A9
Lo scorso inverno i lavori hanno coinvolto le gallerie delle corsie verso Milano, ora tocca a quelle delle carreggiate verso nord. © Cdt/Gabriele Putzu

Pendolari e turisti più lenti per il nuovo cantiere sull’A9

Lo scorso inverno i lavori hanno coinvolto le gallerie delle corsie verso Milano, ora tocca a quelle delle carreggiate verso nord. © Cdt/Gabriele Putzu

«È 3 anni che è così! Durante le zone rosse e il lockdown, evidentemente non hanno avuto il tempo...». «Ma non potevano finire i lavori durante i 15 lunghissimi mesi di lockdown quando il traffico era scarso?». O ancora: «Lavori 365 giorni l’anno... Mezze corsie chiuse e nessuno lavora. E al casello si deve pagare nonostante il disservizio».

Commenti come questi sono comparsi a decine nelle scorse ore sui social. Dopo l’inizio di un nuovo cantiere sull’autostrada A9, appena fuori dal confine elvetico, tra Brogeda e Como Centro. Teatro dei lavori sono le gallerie Terrazze e Villa Maria, dove sono previste opere di «manutenzione strutturale», ha reso noto Autostrade per l’Italia, ma l’area toccata dall’operazione è ben più ampia. Il cantiere è iniziato da alcuni giorni e si protrarrà fino al 26 giugno, 7 giorni su 7. Riguarda le corsie verso nord, quindi in direzione della Svizzera (nel senso di marcia opposto lavori analoghi sono stati portati a termine lo scorso inverno), ma influenza anche le carreggiate verso Milano. Le corsie in direzione nord sono infatti state completamente chiuse e il traffico è deviato sulle carreggiate della A9 che normalmente accolgono le auto che viaggiano verso Milano dove, su una corsia è stato dirottato il traffico in senso inverso. Di conseguenza attualmente vi è una sola carreggiata attiva per senso di marcia per circa 5 chilometri di A9.

C’è chi si chiede perché i lavori non sono stati fatti durante il lockdown, quando c’era meno traffico

Chi cerca vie alternative

Il cantiere ha avuto immediatamente conseguenze sul traffico pendolare. In questi giorni nelle ore di punta il tratto di A9 tra Como Centro e Brogeda ha di fatto accolto una colonna infinita di auto. Colonna che ha spinto vari automobilisti a cercare strade alternative e uscire dall’autostrada. Imbottigliamenti si sono così creati anche per le vie di Como, come riportato da diversi media di oltre confine e come testimoniato da foto e commenti stizziti degli automobilisti sui social. Quella di martedì per esempio è stata definita da La Provincia di Como «la peggiore fotografia sulla viabilità cittadina scattata dall’inizio dell’emergenza Covid a oggi».

Chi cerca il mare

Se in questi giorni i lavori sull’A9 hanno creato disagi soprattutto ai lavoratori pendolari, ad esserne condizionati nei fine settimana saranno i turisti che dal Ticino sdoganeranno per raggiungere l’Italia. E questo almeno per due fine settimana.

Agli automobilisti si consiglia prudenza (e pazienza). Anche perché - spiegano i responsabili di Infostrada, da noi contattati - visto che si trova fuori dai confini nazionali, il cantiere non è segnalato nell’elenco presente sul sito di Infostrada dove si riassumono i tratti stradali interessati da lavori.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Confine
  • 1

    «Serve più collaborazione»

    confine

    Uno studio del Bak Economics ribadisce che la cooperazione transfrontaliera andrebbe intensificata: «Bisogna promuovere una governance politica condivisa» - Tra i vantaggi evocati nel documento, l’opportunità di promuovere una maggiore crescita economica regionale

  • 2

    Turista muore nel Ceresio

    TRAGEDIA NEL LAGO

    La vittima è un tedesco 79.enne – Si era tuffato dalla spiaggia di Righeggia, ma non è mai riemerso

  • 3
  • 4
  • 5

    Nuotate e tuffi «off-limits»: problemi a Porto Ceresio

    Balneabilità

    L’eccessiva presenza di sostanze inquinanti nelle acque ha portato alla drastica decisione - Qualità dell’acqua «appena sufficiente» a Lavena Ponte Tresa – Registrata in territorio italiano una morìa di pesci

  • 1
  • 1