Congedo parentale, c’è il gruppo di lavoro

ticino

Il team interdipartimentale dovrà analizzare la fattibilità giuridica, tecnica ed economica, nonché individuare le modifiche legislative necessarie per la messa in vigore di questa nuova prestazione sociale

Congedo parentale, c’è il gruppo di lavoro
© Shutterstock

Congedo parentale, c’è il gruppo di lavoro

© Shutterstock

È stato istituito un gruppo di lavoro interdipartimentale «Per l’introduzione di un congedo parentale cantonale» composto da rappresentanti del DSS, del DFE e dalla Delegata per le pari opportunità, con il compito di analizzare la fattibilità giuridica, tecnica ed economica di un congedo parentale cantonale, secondo quanto deciso dal Gran Consiglio nella seduta del 25 gennaio scorso, nonché di individuare le modifiche legislative necessarie per la messa in vigore di questa nuova prestazione sociale.

Il Consiglio di Stato, per tramite dell’Istituto delle Assicurazioni Sociali (IAS) del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), ha effettuato alcune verifiche preliminari presso l’Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS) e l’Ufficio federale di giustizia (UFG) per determinare i margini di manovra legali entro i quali definire la nuova prestazione cantonale in conformità con il diritto federale.

Il gruppo di lavoro dovrà presentare al Consiglio di Stato un rapporto intermedio entro metà 2022, e un rapporto finale entro la fine dello stesso anno.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Una giudice in missione per l’ONU

    La storia

    La losonese Elena Catenazzi inviata nella Repubblica centraficana quale membro della Corte penale speciale istituita sotto l’egida delle Nazioni Unite per istruire i processi riguardanti numerosi crimini contro l’umanità – «Più lo conosco e più mi convinco che è questo il continente del futuro»

  • 3

    È subito duello sui conti del Cantone

    Preventivo 2022

    Il Parlamento si spacca in due sul risanamento delle finanze - Fiorenzo Dadò: «La manovra è un compito dell’Esecutivo» - Christian Vitta: «Abbiamo seguito le indicazioni del Legislativo» - Ivo Durisch: «Una situazione causata dagli sgravi fiscali»

  • 4

    Sesso ed IVA: paga chi gestisce il bordello

    IL CASO

    Prostituzione, all’ex Motel di Castione sono stati posti i sigilli in quanto la società anonima che se ne occupava non ha versato il recupero d’imposta milionario a favore dell’Amministrazione federale delle contribuzioni - Una sentenza ha stabilito che è la SA ad offrire le prestazioni erotiche: le prostitute fanno parte dell’azienda

  • 5
  • 1
  • 1