Consegnati gli attestati ai nuovi assistenti di sicurezza pubblica

Polizia

La cerimonia si è tenuta a Monte Carasso, presso l'Antico convento delle Agostiniane

 Consegnati gli attestati ai nuovi assistenti di sicurezza pubblica
©Polizia cantonale

Consegnati gli attestati ai nuovi assistenti di sicurezza pubblica

©Polizia cantonale

Ha avuto luogo ieri a Monte Carasso, presso l'Antico convento delle Agostiniane, la cerimonia di consegna degli attestati dell'Istituto Svizzero di Polizia (ISP) ai nuovi assistenti di sicurezza pubblica. In una nota diffusa dalla Polizia cantonale si legge: «L'importante traguardo professionale è stato raggiunto da 24 nuovi assistenti, che hanno seguito un rinnovato iter formativo presso la Scuola assistenti di sicurezza pubblica 2020 (SASP), garantendo nuove leve che andranno a rafforzare la Polizia cantonale e le polizie comunali. Il settore della formazione è un ambito che per sua natura richiede un continuo aggiornamento e adattamento alle nuove emergenze, all'evoluzione della tecnologia e alle crescenti esigenze di armonizzazione di formazioni e titoli a livello nazionale. Quest'ultimo ambito lo scorso anno è stato anche interessato dall'introduzione di un certificato ISP per la formazione di assistenti di polizia, che prevede diverse specializzazioni in ambito di missioni fondamentali, nella circolazione stradale, per operatori di centrale, per il servizio gestione detenuti e, in un prossimo futuro, anche nel controllo del traffico pesante con la costruzione del Centro di Giornico. Questo a tutto vantaggio del personale coinvolto e dei Corpi che potranno sfruttare maggiori competenze professionali specifiche».

Nel corso dell'evento sono intervenuti il presidente del Consiglio di Stato e direttore del Dipartimento delle Istituzioni Norman Gobbi, il sindaco di Bellinzona Mario Branda, il comandante della Polizia cantonale Matteo Cocchi e il capo sezione formazione della Polizia cantonale Cristiano Nenzi, direttore del corso. Presente alla cerimonia pure il direttore dell'ISP Reto Habermacher, già comandante della Polizia cantonale del canton Uri.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Ci negano il lavoro ridotto, per noi è una vera mazzata»

    il caso

    Il Cantone dice no alla richiesta della Clinica Santa Chiara di Locarno perché «era chiamata a tenere a disposizione tutte le risorse» – Daniela Soldati è pronta a dare battaglia: «Intanto lo Stato corrisponderà all’EOC le perdite cumulate, come al solito due pesi e due misure»

  • 2

    Al via la partita di tetris per sistemare il Pretorio

    Locarno

    Sono a buon punto i lavori per il trasferimento della Corte d’appello e revisione penale e delle due Preture in piazza Grande – Nel frattempo liberati anche gli spazi alla Ferriera dove Il Centro professionale commerciale lascerà posto alla Polizia cantonale

  • 3

    Occhio al sipario quando sul palco sale anche il coronavirus

    BELLINZONA

    A causa della pandemia la stagione in corso al teatro Sociale è stata interrotta a 2/3 del programma - Molte le incognite sulla prossima: gli spettatori dovrebbero calare da una media di 191 a spettacolo a circa 150 - Ma c’è anche lo scenario peggiore

  • 4

    Fermate momò? Le FFS rispondono picche

    treni diretti

    Le Ferrovie federali svizzere replicano alla richiesta di Municipi e associazioni: «I treni Intercity a lunga percorrenza non faranno fermate supplementari né a Chiasso né a Mendrisio»

  • 5
  • 1
  • 1