Conti cantonali, un emendamento a testa per PLR e PPD

Politica

Le due formazioni, in vista del dibattito di settimana prossima, hanno presentato due proposte per modificare l’iniziativa di Sergio Morisoli

Conti cantonali, un emendamento a testa per PLR e PPD

Conti cantonali, un emendamento a testa per PLR e PPD

Si preannuncia quantomeno animato settimana prossima il dibattito in Gran Consiglio sull’iniziativa parlamentare di Sergio Morisoli (UDC) che propone di raggiungere il pareggio delle finanze cantonali entro il 2025 esclusivamente tramite misure di contenimento della spesa e senza aumentare le imposte. Un indirizzo di politica economica che, come noto, è inviso al PS. Dovesse l’iniziativa essere approvata così com’è, con ogni probabilità da sinistra arriverebbe un referendum.

La partita, però, si giocherà soprattutto al centro. Sia PLR che PPD hanno infatti deciso di proporre un emendamento all’iniziativa.

Il PLR, come ci spiega la capogruppo Alessandra Gianella, chiederà di smussare in parte il testo originale: «Condividiamo l’obiettivo dell’iniziativa e ribadiamo che non dovrà esserci nessun aumento delle imposte. Ma, in sintesi, proporremo un testo un po’ meno rigido». L’iniziativa targata UDC chiede infatti di intervenire «esclusivamente» sulla spesa; il PLR proporrà di sostituire quel termine con «prioritariamente». Oltre a ciò, nell’emendamento viene chiesto che, nell’intervenire sulle spese di trasferimento, si eviti di incidere sui sussidi delle persone meno abbienti.

Anche l’emendamento targato PPD proporrà di intervenire senza aumentare le imposte, ma allo stesso tempo pure senza misure che direttamente o indirettamente conducano a una riduzione delle prestazioni sociali a favore delle fasce più fragili della popolazione residente. Il PPD intende inoltre precisare nel testo che non ci dovrà essere nessun riversamento di oneri finanziari nei confronti dei Comuni.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Prendiamoci la gestione del bacino svizzero»

    Verbano

    Una mozione del consigliere nazionale Bruno Storni e cofirmatari chiede a Berna di disdire la convenzione internazionale e avviare le trattative per un servizio in mani elvetiche – Da decenni l’offerta perde di qualità e non raggiunge più gli standard di una regione turistica

  • 2

    Fuggi dalla prigione, ma è un videogioco

    La novità

    Niente auto, niente telefonini, un paesaggio irriconoscibile... Con la realtà virtuale si viaggia indietro nel tempo per scoprire segreti e storie del Castello di Locarno — Ecco i retroscena (e le persone) del progetto che ha vinto gli Swiss Game Awards

  • 3

    Braccialetto elettronico, si prova la sorveglianza attiva

    giustizia

    Da gennaio si parte con il monitoraggio passivo per gli autori di violenza domestica e stalking in ambito civile – Frida Andreotti: «Ripetute violazioni delle ordinanze restrittive possono avere conseguenze gravi» – Il Ticino vuole andare oltre e avvierà un progetto pilota sul piano penale

  • 4

    Frontalieri, l’accordo tolto dal cassetto

    confine

    Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge di ratifica dell’intesa siglata un anno fa - Il nuovo regime fiscale dovrebbe quindi entrare in vigore nel 2023 - Alessandro Alfieri: «Rispetteremo - gli impegni presi» - Andrea Puglia: «Da Roma un segnale istituzionale importante verso la Svizzera»

  • 5
  • 1
  • 1