Coronavirus, oltre 5000 firme per la chiusura delle scuole

ticino

Aumentano le sottoscrizioni alla petizione online che chiede al DECS di sospendere le lezioni

Coronavirus, oltre 5000 firme per la chiusura delle scuole
© EPA/SEBASTIAO MOREIRA

Coronavirus, oltre 5000 firme per la chiusura delle scuole

© EPA/SEBASTIAO MOREIRA

(Aggiornato alle 16.30) - Ha superato quota 5100 firme la petizione lanciata mercoledì sera sull’apposito sito Change.org, rivolta al direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) Manuele Bertoli, che chiede di chiudere le scuole.

«A contatto con migliaia di altre persone, uno studente infetto può contagiare tutti attorno a sé senza accorgersene. Chiudere le scuole sarebbe un grande vantaggio anche per riuscire a tenere sotto controllo il virus. È difficile risalire a quanti altri studenti è venuto a contatto un infetto», si legge nell’iniziativa denominata «Chiudere le scuole in Ticino».

Ieri, ricordiamo, la questione è stata sollevata anche durante l’appuntamento informativo indetto dal direttore del DSS Raffaele De Rosa per informare sull’evoluzione del coronavirus nel nostro cantone.

Il direttore della Divisione della salute pubblica Paolo Bianchi ha fatto sapere che il Governo «ha preso atto della petizione, ma al momento non c’è nessuna indicazione che faccia pensare che questa misura sia necessaria». «Quando i bambini non vanno a lezione, vanno accuditi, ci vogliono forme alternative», ha aggiunto. «Ad occuparsene, spesso, sono i nonni, che potrebbero in caso di contagio essere più a rischio; oppure una mamma che si occupa di più bambini. Si tratta di opzioni che in verità aumentano il rischio di diffusione rispetto all’andare a scuola», ha concluso.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Teatro e Musei sotto esame a Bellinzona

    Cultura

    La minoranza della Commissione della Gestione, formata da Lega e UDC, chiede un approccio maggiormente dinamico e trasparente nella conduzione operativa dei due enti autonomi

  • 2

    Le direttive del pg verranno pubblicate

    giustizia

    In futuro, documenti quali istruzioni, regolamenti di servizio e circolari saranno resi accessibili «ponderando gli interessi pubblici e privati» e in base alla competenza discrezionale del Ministero pubblico – Una richiesta in tal senso era stata avanzata in una mozione del PLR

  • 3

    I segreti dell’ex asilo Ciani

    Lugano

    A metter mano agli edifici storici non mancano le sorprese, o i grattacapi: non fa eccezione l’ex asilo Ciani, che la Città sta ristrutturando ormai da qualche tempo - Coinvolto l’Ufficio dei beni culturali per decidere il colore delle facciate, e ora c’è da rinforzare un lucernario molto particolare

  • 4
  • 5

    Promessa mantenuta: il negozietto riapre

    Castel San Pietro

    Il commercio in centro paese chiuso all’improvviso a inizio maggio riprende l’attività lunedì - Il Comune reputa il servizio indispensabile e si è adoperato per trovare dei nuovi gerenti - La sindaca Alessia Ponti: «Questa è anche una sorta di promessa sociale alla comunità»

  • 1
  • 1