Coronavirus, una minaccia per il 42% dei ticinesi

i dati

Un sondaggio evidenzia le differenze di percezione del contagio da regione a regione - Il 35% degli svizzeri pensa che la pandemia avrà ripercussioni negative sulla propria situazione finanziaria

Coronavirus, una minaccia per il 42% dei ticinesi
© CdT/Gabriele Putzu

Coronavirus, una minaccia per il 42% dei ticinesi

© CdT/Gabriele Putzu

Oramai il 42% dei ticinesi si ritiene personalmente minacciato dal coronavirus. Il dato, che emerge da un sondaggio dell’istituto demoscopico Link, è superiore a quelli che si registrano in Romandia (36%) e Svizzera tedesca (27%) ed è in sensibile aumento anche nel raffronto con il precedente rilevamento (30%).

Il 35% degli svizzeri ritiene che l’epidemia avrà conseguenze negative sulla propria situazione finanziaria, valore che sale a oltre il 40% in Romandia e a sud delle Alpi, si legge in un comunicato diffuso in serata. I dati sono stati raccolti interrogando circa 1300 persone fra il 18 e il 24 marzo (è il quarto sondaggio sul tema, quello prima era stato condotto fra il 10 e il 12 marzo).

Anche la percezione del virus quale minaccia globale è nettamente più accentuata: è visto come una minaccia per il mondo ormai dal 79% degli interrogati (erano solo il 45% due settimane prima) e per la Svizzera dal 75% (un balzo dal 30%).

Per quanto riguarda i singoli comportamenti, è nettamente progredita (all’87% al 47%) la quota di coloro che evitano i mezzi pubblici, come pure quella che è attiva con il telelavoro (dal 31% al 58%). Il 32% ha predisposto scorte d’emergenza e il 25% indossa la mascherina (solo l’11% nel rilevamento precedente).

L’appello del Consiglio federale a rimanere a casa viene seguito: l’89% afferma di restare più spesso nel proprio alloggio. Il sondaggio mette in risalto pure la fame di informazione (è aumentata la fruizione: soprattutto tv, molto online, ma anche radio e giornali) e il fatto che il commercio online sta approfittando solo in parte della situazione: si tende infatti a posticipare gli acquisti.

Il 75% degli interpellati ritiene corretto che il Consiglio federale abbia dichiarato la situazione straordinaria, il 9% reputa il provvedimento esagerato, mentre il 16% vorrebbe misure più drastiche.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    La pandemia non contagia i conti dell’ambulanza

    SALVA

    Malgrado le difficoltà operative, soprattutto al lockdown, nel 2020 meno costi a carico dei Comuni convenzionati del Locarnese e Valli – Primi mesi comprensibilmente tranquilli ma dopo le riaperture si sono raggiunte cifre record per un totale di 5.562 interventi

  • 2

    La storia controcorrente del negozietto che riapre

    Castel San Pietro

    Il negozietto in centro paese ha cessato l’attività dall’oggi al domani e la popolazione lo ha scoperto da un cartello affisso in vetrina - Le difficoltà economiche però erano note e il Municipio si sta già attivando per riaprire la Cooperativa - La sindaca: «Inimmaginabile restare senza»

  • 3

    Dalla città alla montagna per realizzare un sogno

    LA STORIA

    Il giovane dottore Matteo Dell’Era da inizio giugno sarà attivo in uno studio di Airolo - Lascia Lugano dove è nato e cresciuto per un’esperienza in una valle come ha sempre desiderato - «Il medico di famiglia in periferia deve fare tutto, diventa un punto di riferimento per la comunità»

  • 4

    «L’incognita della frana rimane, partire era inevitabile»

    Preonzo

    Delle sette ditte attive fino a un decennio fa ai piedi del Valegiòn ne rimarrà solo una - Luca Genetelli parla della sua esperienza quasi trentennale a capo della Betra SA che nei prossimi giorni inizierà i lavori di costruzione della nuova sede nella zona industriale di Castione

  • 5
  • 1
  • 1