Coronavirus, una minaccia per il 42% dei ticinesi

i dati

Un sondaggio evidenzia le differenze di percezione del contagio da regione a regione - Il 35% degli svizzeri pensa che la pandemia avrà ripercussioni negative sulla propria situazione finanziaria

Coronavirus, una minaccia per il 42% dei ticinesi
© CdT/Gabriele Putzu

Coronavirus, una minaccia per il 42% dei ticinesi

© CdT/Gabriele Putzu

Oramai il 42% dei ticinesi si ritiene personalmente minacciato dal coronavirus. Il dato, che emerge da un sondaggio dell’istituto demoscopico Link, è superiore a quelli che si registrano in Romandia (36%) e Svizzera tedesca (27%) ed è in sensibile aumento anche nel raffronto con il precedente rilevamento (30%).

Il 35% degli svizzeri ritiene che l’epidemia avrà conseguenze negative sulla propria situazione finanziaria, valore che sale a oltre il 40% in Romandia e a sud delle Alpi, si legge in un comunicato diffuso in serata. I dati sono stati raccolti interrogando circa 1300 persone fra il 18 e il 24 marzo (è il quarto sondaggio sul tema, quello prima era stato condotto fra il 10 e il 12 marzo).

Anche la percezione del virus quale minaccia globale è nettamente più accentuata: è visto come una minaccia per il mondo ormai dal 79% degli interrogati (erano solo il 45% due settimane prima) e per la Svizzera dal 75% (un balzo dal 30%).

Per quanto riguarda i singoli comportamenti, è nettamente progredita (all’87% al 47%) la quota di coloro che evitano i mezzi pubblici, come pure quella che è attiva con il telelavoro (dal 31% al 58%). Il 32% ha predisposto scorte d’emergenza e il 25% indossa la mascherina (solo l’11% nel rilevamento precedente).

L’appello del Consiglio federale a rimanere a casa viene seguito: l’89% afferma di restare più spesso nel proprio alloggio. Il sondaggio mette in risalto pure la fame di informazione (è aumentata la fruizione: soprattutto tv, molto online, ma anche radio e giornali) e il fatto che il commercio online sta approfittando solo in parte della situazione: si tende infatti a posticipare gli acquisti.

Il 75% degli interpellati ritiene corretto che il Consiglio federale abbia dichiarato la situazione straordinaria, il 9% reputa il provvedimento esagerato, mentre il 16% vorrebbe misure più drastiche.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Il mercatino di Natale di Lugano ci sarà

    eventi

    La decisione del Municipio, che intende consentire «alla popolazione di vivere, seppur con delle restrizioni, l’atmosfera natalizia» - Allestito un preciso piano di protezione per evitare i contagi

  • 3

    Ajla Del Ponte corre veloce con le FART

    Locarnese e valli

    Inaugurata la collaborazione tra l’atleta ticinese di punta e la Centovallina per un’immagine da veicolare sia a livello nazionale che internazionale

  • 4

    Raffica di domande contro cementificazione e speculazione

    Locarno

    Matteo Buzzi e Marko Antunovic interrogano il Municipio alla ricerca di nuove misure per preservare il territorio ed evitare ulteriori costruzioni che rimangano sfitte – Tra le proposte una zona di pianificazione che limiti alle ristrutturazioni gli interventi edilizi possibili in città

  • 5

    Ecco il Natale «speciale» dei bellinzonesi

    Il programma

    Dopo aver ovviamente dovuto rinunciare al tradizionale villaggio di piazza del Sole, il Municipio cittadino presenta le proposte per le festività nel centro storico e nei quartieri tra coreografia, concorsi per ravvivare il commercio e parcheggi gratuiti - Domani l’accensione degli alberi, ma senza cerimonie

  • 1
  • 1