Dal primo luglio 36 casi in Ticino: si alza il livello di guardia

Pandemia

Due ospedalizzazioni e oltre 450 persone in quarantena: la campagna «Distanti ma vicini. Proteggiamoci. Ancora» passa dal blu all’arancione al motto di «Prudenza. Sempre»

 Dal primo luglio 36 casi in Ticino: si alza il livello di guardia
©CdT/Gabriele Putzu

Dal primo luglio 36 casi in Ticino: si alza il livello di guardia

©CdT/Gabriele Putzu

Dal 1. di luglio a oggi si contano in Ticino 36 nuovi casi accertati di persone positive al coronavirus e due ospedalizzazioni. Nel giro di poco più di una settimana sono state intimate oltre 450 decisioni di quarantena. L’analisi dei dati e delle tendenze nei contagi giustificano la necessità di alzare il livello di attenzione per la popolazione. La campagna di sensibilizzazione cantonale passa dal blu all’arancione, al motto di «Prudenza, sempre». Lo comunica il Dipartimento della sanità e della socialità in una nota.

La situazione epidemiologica legata alla diffusione del SARS-CoV-2 in Ticino conosce in questo inizio luglio una nuova fase. Se durante il mese di giugno i nuovi contagi sono stati molto contenuti e hanno generato un lavoro tutto sommato modesto sul fronte del contact tracing, a partire dal 1. luglio vi è stato un significativo cambio di passo.

I numeri dei nuovi contagi, ancorché sotto la decina al giorno, indicano alcune tendenze riconducibili in particolare ai contatti fra giovani e all’accresciuta mobilità delle persone che approfittano della ritrovata possibilità di viaggiare all’estero. Il Consiglio di Stato, nel constatare questo cambiamento, ha subito provveduto ad attuare misure più restrittive rispetto a quelle in vigore a livello della Confederazione.

Affinché la popolazione recepisca la necessità di continuare a mantenere l’attenzione sulla delicata situazione sanitaria, il DSS fa dunque sapere di aver alzato il livello di guardia anche dal punto di vista della sensibilizzazione.

La campagna «Distanti ma vicini. Proteggiamoci. Ancora» passa dal blu all’arancione, e in questa nuova fase viene declinata al motto di «Prudenza. Sempre». È infatti necessario richiamare l’attenzione della popolazione nei confronti dell’accresciuta delicatezza del momento. «Prendiamoci cura di noi e degli altri. In ogni momento, seguiamo le raccomandazioni ed evitiamo rischi inutili». Questo il messaggio che accompagna lo slogan, certi della necessità di ricordare a tutti la responsabilità di ciascuno.

Dal primo luglio 36 casi in Ticino: si alza il livello di guardia
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    La pandemia non contagia i conti dell’ambulanza

    SALVA

    Malgrado le difficoltà operative, soprattutto al lockdown, nel 2020 meno costi a carico dei Comuni convenzionati del Locarnese e Valli – Primi mesi comprensibilmente tranquilli ma dopo le riaperture si sono raggiunte cifre record per un totale di 5.562 interventi

  • 3

    La storia controcorrente del negozietto che riapre

    Castel San Pietro

    Il negozietto in centro paese ha cessato l’attività dall’oggi al domani e la popolazione lo ha scoperto da un cartello affisso in vetrina - Le difficoltà economiche però erano note e il Municipio si sta già attivando per riaprire la Cooperativa - La sindaca: «Inimmaginabile restare senza»

  • 4

    Dalla città alla montagna per realizzare un sogno

    LA STORIA

    Il giovane dottore Matteo Dell’Era da inizio giugno sarà attivo in uno studio di Airolo - Lascia Lugano dove è nato e cresciuto per un’esperienza in una valle come ha sempre desiderato - «Il medico di famiglia in periferia deve fare tutto, diventa un punto di riferimento per la comunità»

  • 5

    «L’incognita della frana rimane, partire era inevitabile»

    Preonzo

    Delle sette ditte attive fino a un decennio fa ai piedi del Valegiòn ne rimarrà solo una - Luca Genetelli parla della sua esperienza quasi trentennale a capo della Betra SA che nei prossimi giorni inizierà i lavori di costruzione della nuova sede nella zona industriale di Castione

  • 1
  • 1