Dimissioni post lockdown: i Municipi che cambiano volto

Comuni

A Mergoscia via due rappresentanti dell’Esecutivo su tre che non si erano ricandidati alle elezioni poi annullate - Nel resto del Ticino alla Sezione enti locali risultano altre sei rinunce, ma ve ne sono ulteriori che tecnicamente non andavano annunciate

Dimissioni post lockdown: i Municipi che cambiano volto
La casa comunale di Mergoscia. ©CdT/Archivio

Dimissioni post lockdown: i Municipi che cambiano volto

La casa comunale di Mergoscia. ©CdT/Archivio

Nonostante l’annullamento delle elezioni del 5 aprile scorso a causa della pandemia, per alcuni Comuni ticinesi nelle scorse settimane vi sono stati cambiamenti. Com’era prevedibile, alcuni municipali che per vari motivi non si erano ricandidati, dopo essere rimasti in carica durante la fase più acuta dell’emergenza hanno ora deciso di farsi da parte. La Sezione degli enti locali (SEL) e la Cancelleria non possono fornire dati esaustivi, perché in sostanza non esiste l’obbligo di notificare dimissioni e relative sostituzioni negli organi esecutivi. Ad eccezione dei casi in cui i dimissionari hanno alle spalle meno di una legislatura completa, non hanno ancora compiuto 65 anni, o non possono certificare un’infermità grave. In questi casi, la dimissione necessita infatti di una ratifica da parte...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1