Disordini, l’FC Chiasso salva gli ultras

Il caso

La società torna sui suoi passi e decide di non denunciare alla polizia l’invasione avvenuta al Riva IV dopo il match col Vaduz

Disordini, l’FC Chiasso salva gli ultras
I tifosi non verranno diffidati. (Foto Putzu)

Disordini, l’FC Chiasso salva gli ultras

I tifosi non verranno diffidati. (Foto Putzu)

CHIASSO - Si è dissolto nelle ultime ore l’alone di mistero che da settimana scorsa avvolgeva le possibili misure da adottare nei confronti degli ultras dell’FC Chiasso che il 4 maggio, al termine dell’incontro col Vaduz, avevano fatto irruzione a bordo campo e nell’area degli spogliatoi per insultare e minacciare i giocatori della loro squadra dopo la sconfitta patita sul rettangolo verde: contrariamente alle indicazioni fornite sei giorni fa sia dal direttore generale della società calcistica Nicola Bignotti sia da Ivan Belloni, presidente dell’agenzia di sicurezza incaricata del servizio d’ordine allo stadio Riva IV, da parte del club non è stata inoltrata alcuna denuncia alla polizia cantonale. Quindi, dato che per sanzionare i tifosi responsabili di intemperanze all’interno di un impianto...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Altro che virus e distanze, i partiti son tutti... vicinissimi

    Bellinzona

    La destra che non molla la presa sui sorpassi di spesa e la non ricandidatura di Christian Paglia alle elezioni del 2021 hanno lanciato la campagna - Il PLR con solo un uscente su tre deve difendersi dal PS e da Lega e UDC - Nel mezzo PPD, Verdi e MPS

  • 2

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Concorso

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 3

    «Frontalieri da limitare nel settore sanitario»

    Coronavirus

    Per il gruppo liberale radicale Maristella Polli presenta una mozione volta a potenziare e rendere più attrattiva la professione di infermiere nel nostro cantone - «Nei reparti ospedalieri non venga superata la soglia del 20% di manodopera estera»

  • 4

    A 50 anni dall’ultima corsa della Lugano-Cadro-Dino

    Storia

    Il 30 maggio 1970 veniva smantellata la ferrovia, le cui tracce sono ancora ben visibili sul territorio - L’anniversario è un’ottima occasione per riflettere sul passato e sulla scelta di sopprimere i tram, che ora torneranno a suon di milioni

  • 5

    La strategia di Chiasso per la ripartenza

    Post pandemia

    Chiesto un credito quadro di oltre 2 milioni per contrastare gli effetti negativi del coronavirus e sostenere popolazione ed economia – Tra rilancio digitale e sostegno alle aziende,
    molte le ricette proposte, tra cui una serie di interventi a titolo di investimento per 1,35 milioni di franchi

  • 1
  • 1