È Boris Bignasca il nuovo capogruppo della Lega

politica

Assumerà l’incarico ricoperto fino a dicembre dal deputato Michele Foletti, il quale era stato sfiduciato da un’ampia maggioranza del suo gruppo - Sabrina Aldi è la nuova vice

È Boris Bignasca il nuovo capogruppo della Lega
© CdT/ Chiara Zocchetti

È Boris Bignasca il nuovo capogruppo della Lega

© CdT/ Chiara Zocchetti

È Boris Bignasca il nuovo capogruppo della Lega in Gran Consiglio. Lo hanno deciso ieri in serata i deputati del Movimento di via Monte Boglia nel corso della riunione di gruppo. Questa nomina, lo ricordiamo, si è resa necessaria dopo il passo indietro di Michele Foletti lo scorso dicembre, in seguito a uno strappo con lo stesso Bignasca - la vice di Foletti, Amanda Rückert, ha dal canto suo rassegnato le proprie dimissioni per motivi professionali - Nel motivare la sua decisione, il diretto interessato aveva spiegato di essere stato sfiduciato da un’ampia maggioranza del proprio gruppo che non era d’accordo con la sua linea sul preventivo 2021. Il rapporto favorevole della Commissione gestione e finanze era stato firmato da tutti i partiti di Governo e dai leghisti Foletti e Michele Guerra, ma non da Bignasca, il quale aveva legato l’approvazione del preventivo all’accettazione degli emendamenti da lui presentati che chiedevano interventi più incisivi alla spesa. La vice di Bignasca (classe 1986 e deputato dal 2007 al 2010 e poi dal 2015) è Sabrina Aldi (classe 1985 e granconsigliera dal 2015), mentre Foletti resterà in Gestione. Quello tra Bignasca e Foletti non è stato il primo screzio interno - nel 2017 erano stati alla base dei dissidi sui conti - e con la nomina di ieri è facile immaginare che la linea più «istituzionale» potrebbe cedere il passo a quella più «barricadera» di Bignasca. Ci sarà un ritorno alle origini? Come si suol dire, affaire à suivre. Da non sottovalutare neppure gli sviluppi sul fronte delle alleanze politiche, con il passaggio da un capogruppo che si dice essere più orientato a lavorare con il PLR a uno in maggiore «sintonia» con il PPD.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    «Dati contraddittori, serve un approfondimento»

    Lavoro

    Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia, sugli occupati in Ticino: «Difficile dare un’interpretazione» – Nel quarto trimestre il numero di posti nel cantone è diminuito del 4,4% mentre i lavoratori residenti all’estero su base annua sono aumentati dello 0,8% a 70.115 – Il trend diverso è in parte spiegabile con le differenti metodologie di calcolo delle statistiche

  • 2

    Quando la voglia di bici ti porta fra vigneti e prati

    Novazzano

    Si completa la rete di piste ciclopedonali che collega il comune ai due poli del Mendrisiotto – In pubblicazione il concorso per il progetto dal centro paese al Pian Faloppia - In luglio inizieranno i lavori per il percorso via alla Fornace-via al Loi-oratorio di Boscherina

  • 3

    Potrebbe servire il fotofinish

    Elezioni comunali

    A Cadempino il PLR spera, visto l’addio del sindaco PPD Marco Lehner, di effettuare uno storico sorpasso - A Lamone i liberali radicali devono difendersi dalla crescita del Gruppo Civico e di Lega/UDC - A Torricella-Taverne è invece il GITT a partire in pole position

  • 4
  • 5

    Tra un «c’è chi sapeva tutto prima» e un «non è vero»

    IL CASO

    Ennesima puntata nella vicenda dei sorpassi di spesa a Bellinzona - Il consigliere comunale UDC Tuto Rossi trasmette ai media le osservazioni finali dell’ex direttore del Settore opere pubbliche, nel frattempo trasferito a nuova funzione - Dal documento emergono incongruenze rispetto a quanto sostenuto dal Municipio - Il sindaco Mario Branda fa chiarezza

  • 1
  • 1