«È la benzina che manca»

LOTTA AL VIRUS

Il Consiglio di Stato ha illustrato le prossime tappe della campagna di immunizzazione - Due le novità annunciate: «Gli over 80 sulla lista d’attesa dei Comuni verranno contattati e da subito si entra nella fase 3, dedicata agli over 75, circa 17 mila persone»

 «È la benzina che manca»
© CdT/ Chiara Zocchetti

«È la benzina che manca»

© CdT/ Chiara Zocchetti

«Oggi vediamo il traguardo all’orizzonte, anche se non sappiamo ancora quanto vicino sia». Sono parole che invitano alla prudenza quelle pronunciate dal presidente del Consiglio di Stato ticinese Norman Gobbi in occasione della conferenza stampa convocata a Bellinzona per fare il punto sulla campagna di vaccinazione dopo i ritardi annunciati nelle scorse settimane. «La fornitura dei vaccini è l’anello debole di una macchina collaudata», ha chiosato il presidente che ha esortato i ticinesi ad avere pazienza: «Sappiamo che c’è molta attesa. Purtroppo è la benzina che manca». Con l’appello alla pazienza sono arrivate anche alcune buone notizie: «Le forniture di fine febbraio e inizio marzo sono state confermate», ha comunicato il direttore del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS)...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1