IL PASSO

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Uomini all’opera da fine aprile con fresa ed escavatore per liberare al strada del passo - LE FOTO E IL VIDEO

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve
Foto Gabriele Putzu

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Foto Gabriele Putzu

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve
Claudio Giudici, responsabile dell’apertura del passo della Novena. (Foto Putzu)

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Claudio Giudici, responsabile dell’apertura del passo della Novena. (Foto Putzu)

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Ecco come la Novena (vista dal drone) viene sgomberata dalla neve

Se in pianura la colonnina di mercurio oggi supera i 20 gradi, nell’alta Valle Bedretto la primavera sembra lontana. Il paesaggio appare ancora imbiancato e Claudio Giudici, responsabile dell’apertura del passo della Novena, è al lavoro già da oltre due settimane con i suoi uomini per liberare la strada. Il valico alpino si trova a 2.478 metri di altitudine e mette in collegamento la Valle di Goms nell’alto Vallese con la Valle Bedretto.

«I lavori di sgombero della neve - ci ha spiegato Giudici - sono iniziati alla fine di aprile e dovrebbero terminare a inizio giugno, ma molto dipenderà dalle condizioni meteorologiche». «Ci troviamo in una zona piuttosto critica: possiamo lavorare solo durante la mattina, quindi iniziamo presto e terminiamo intorno a mezzogiorno. Non oltre, perché sarebbe pericoloso», prosegue.

Ma come funziona esattamente? «Lavoriamo in due tempi: facciamo un primo taglio con la fresa e poi interviene un escavatore cingolato che toglie la neve rimasta attaccata alla rocce. Solo in un secondo momento si interviene per eliminare la neve dalla strada. Per i lavori ci serviamo di tre frese e un escavatore cingolato, per un totale di sei operai», conclude.

Loading the player...
Video Gabriele Putzu
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
    Bellinzona

    Altro che virus e distanze, i partiti son tutti... vicinissimi

    La destra che non molla la presa sui sorpassi di spesa e la non ricandidatura di Christian Paglia alle elezioni del 2021 hanno lanciato la campagna - Il PLR con solo un uscente su tre deve difendersi dal PS e da Lega e UDC - Nel mezzo PPD, Verdi e MPS

  • 2
    Concorso

    Prende forma il futuro delle funivie centovalline

    Il progetto «Umbrela» dell’architetto Francesco Buzzi si aggiudica il concorso per la Verdasio-Rasa – Il rinnovo completo delle strutture comporta un investimento di 11,7 milioni di franchi – L’iter rallentato dal coronavirus

  • 3
    Coronavirus

    «Frontalieri da limitare nel settore sanitario»

    Per il gruppo liberale radicale Maristella Polli presenta una mozione volta a potenziare e rendere più attrattiva la professione di infermiere nel nostro cantone - «Nei reparti ospedalieri non venga superata la soglia del 20% di manodopera estera»

  • 4
    Storia

    A 50 anni dall’ultima corsa della Lugano-Cadro-Dino

    Il 30 maggio 1970 veniva smantellata la ferrovia, le cui tracce sono ancora ben visibili sul territorio - L’anniversario è un’ottima occasione per riflettere sul passato e sulla scelta di sopprimere i tram, che ora torneranno a suon di milioni

  • 5
    Post pandemia

    La strategia di Chiasso per la ripartenza

    Chiesto un credito quadro di oltre 2 milioni per contrastare gli effetti negativi del coronavirus e sostenere popolazione ed economia – Tra rilancio digitale e sostegno alle aziende,
    molte le ricette proposte, tra cui una serie di interventi a titolo di investimento per 1,35 milioni di franchi

  • 1