Opinioni elettorali

Perché il Gran Consiglio

Daniele Raffa, candidato del PPD al Gran Consiglio

Perché il Gran Consiglio

Perché il Gran Consiglio

Nei prossimi giorni il Ticino sarà inondato di nomi, slogan promesse e quant’altro. Io ho pensato che, invece di fare 10.000 santini, cartelloni pubblicitari, spille adesivi ecc., sarebbe stato meglio presentarsi ai ticinesi e quindi eccomi qua. Buongiorno, mi chiamo Daniele Raffa ho 42 anni e abito a Mendrisio. La motivazione che quest’anno mi ha spinto a mettere a disposizione la mia persona per queste importanti elezioni non è il volersi mettere in vetrina o la «fame» di avere una sedia (quella c’è l’ho già dalla nascita. Per chi non lo sapesse e non lo vedesse dalla foto, io sono paraplegico) nella stanza dei bottoni. A 42 anni, infatti, posso dire di essere una persona felice e soddisfatta di quello che la vita gli offre tutti i giorni. Faccio già parte di tutte le associazioni di cui avrei da sempre voluto far parte e «siedo» in tutti i comitati in cui mi fa piacere stare. Appositamente non citerò quali sono queste associazioni, proprio perché non voglio mettermi in vetrina ne vantarmi. La scelta che ho fatto (la candidatura) è dovuta solo e soltanto alla mia voglia di mettermi a disposizione della comunità e dare il mio contributo al Paese, invece di fare il «leone da tastiera» e criticare sempre quello che è stato o non è stato fatto. Per essere quello che sono, non parteciperò a milioni di aperitivi per stringere mani di persone che probabilmente qualche minuto dopo non ricorderanno nemmeno il mio nome. Giornalmente, per motivi professionali, faccio su e giù per il cantone, quindi magari vi capiterà di incontrami. Se volete sapere qualcosa in più su di me, fermatemi, risponderò volentieri alle vostre domande. Se invece vorrete raccontarmi le vostre storie mi prenderò volentieri il tempo di ascoltarvi, così, se l’elezione dovesse andare in porto, potrò affrontare il quadriennio con un bagaglio ricco di voci della gente. Del resto, chi siede lì, lo fa per il bene della gente e quindi è giusto che conosca quali sono le preoccupazioni della popolazione. Se invece l’elezione non dovesse andare in porto, beh, vorrà dire che avrò speso un po’ del mio tempo per ascoltare chi aveva bisogno di parlare e vorrà dire che quando mi capiterà di essere nuovamente per le strade delle nostre città e paesi, avrò tanta gente da salutare e a cui sorridere incrociando i loro sguardi. Grazie a chi si è preso qualche minuto di tempo per leggere queste mie poche righe e per chi ha capito che chi le ha scritte ha a cuore solo il bene della gente.

©CdT.ch - Riproduzione riservata
  • 1
Articoli suggeriti
Ultime notizie: Elezioni
  • 1