Enzo Lucibello: «Imperativo aiutare chi ha più bisogno»

la reazione

Il presidente dell’Associazione dei grandi distributori ticinesi commenta la decisione del Consiglio federale - Silvio Tarchini del FoxTown: «La decisione ci penalizza, ma la accettiamo»

Enzo Lucibello: «Imperativo aiutare chi ha più bisogno»
© CdT/Chiara Zocchetti

Enzo Lucibello: «Imperativo aiutare chi ha più bisogno»

© CdT/Chiara Zocchetti

Oltre a bar e ristoranti, dal prossimo 18 gennaio anche i negozi, esclusi quelli che vendono beni di prima necessità, dovranno restare chiusi. «Ne prendiamo atto», commenta il presidente dell’Associazione dei grandi distributori ticinesi (DISTI) Enzo Lucibello, da noi raggiunto. «Per la grande distribuzione è una medaglia a due facce: da un lato il settore degli alimentari che può restare aperto, impiegare persone e generare fatturato e dall’altro tutti gli altri che sono obbligati a interrompere l’attività».

In buona sostanza, si tornerà ad attuare tutte le misure che erano state prese lo scorso marzo: nei centri commerciali chiuderanno i battenti i singoli negozi toccati dalla misura mentre nei grandi magazzini si provvederà a isolare le zone interessate dal provvedimento di Berna e a introdurre...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1