EOC, Sanvido resta presidente del CdA

La nomina

Dopo la controversa votazione in Gran Consiglio i vertici gli hanno riconfermato la fiducia - L’Ente: «Un segnale di continuità»

EOC, Sanvido resta presidente del CdA

EOC, Sanvido resta presidente del CdA

Paolo Sanvido è stato confermato alla presidenza del Consiglio d’amministrazione dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC). Lunedì pomeriggio, durante la prima seduta del «nuovo» CdA, dopo la controversa votazione in Gran Consiglio, Sanvido viene dunque confermato alla guida, per i prossimi quattro anni, del CdA dell’Ente.

Alla vice presidenza del CdA, al posto dell’uscente Edy Dell’Ambrogio, è stata nominata Valeria Canova Masina, già membro del consiglio d’amministrazione. Fanno inoltre parte del Consiglio di amministrazione (in ordine alfabetico) Andrea Bersani (nuovo), Luca Crivelli, Raffaele De Rosa quale rappresentante del Consiglio di Stato, Roberto Malacrida e Luigi Mariani.

Il voto in Gran Consiglio
«Nel corso della discussione, durante la quale il presidente uscente ha lasciato la sala, è stato anche evocato il voto parlamentare con cui il Gran Consiglio ha nominato i membri del Cda sulla base delle proposte formulate dal Consiglio di Stato», si legge nel comunicato dell’EOC che precisa che «con la conferma dell’attuale presidente Paolo Sanvido, il Cda ha voluto dare un segnale di continuità rispetto alle varie attività portate avanti in questi quattro anni. Tra queste vanno segnalati, fra l’altro, il consolidamento dell’offerta di cure, lo sviluppo dell’infrastruttura, la sostenibilità economica e la riorganizzazione dell’EOC con, ad esempio, il rafforzamento del modello di Istituto che fungerà da importante anello di congiunzione con il nuovo Master in biomedicina».

«I punti critici»
La discussione approfondita - spiega l’Ente nella nota - ha permesso di soffermarsi anche sui punti critici emersi nell’ultimo quadriennio ed è stata l’occasione per un ulteriore chiarimento e per ridiscutere anche i compiti propri alla carica. Il Cda ha discusso della revisione delle disposizioni che regolano il suo funzionamento e ha manifestato l’intenzione di procedere rapidamente alla revisione della sua governance, basandosi per questo anche sul recente rapporto realizzato congiuntamente dall’USI e dalla SUPSI».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    La politica riparte dal Palexpo

    Locarno

    Dopo il lockdown torna a riunirsi il Consiglio comunale con un credito di 1,5 milioni legato alla COVID-19 – Ma per garantire la distanza tra i partecipanti si lascia Palazzo Marcacci a vantaggio della grande sala alla Morettina

  • 2
  • 3

    I bambini dell’asilo non finiranno negli ex accantonamenti militari

    ARBEDO-CASTIONE

    Le due sezioni provvisorie di scuola dell’infanzia per una quarantina di allievi, previste da settembre, non verranno realizzate alla luce della diminuzione delle iscrizioni - Gli spazi cambiano destinazione: si trasformeranno in aule per le attività speciali delle Elementari

  • 4

    «La gente ora esce: è il momento delle mascherine»

    Pandemia

    Mattia Lepori, vice capo area medica EOC, parla dei dispositivi di protezione: «Sono uno strumento importante, soprattutto nei luoghi chiusi: finora sono state sottovalutate, perché le persone circolavano poco»

  • 5

    La bussola dei liberali radicali per orientarsi nella crisi

    agenda politica

    Nel corso del secondo e-congresso, il PLR ha tracciato la rotta per il rilancio del Paese – Bixio Caprara: «È solo creando ricchezza che riusciremo a redistribuirla» – Christian Vitta: «Crediamo nei settori in cui siamo promettenti» – Alessandra Gianella: «Il conto sarà salato»

  • 1
  • 1