EOC, Sanvido resta presidente del CdA

La nomina

Dopo la controversa votazione in Gran Consiglio i vertici gli hanno riconfermato la fiducia - L’Ente: «Un segnale di continuità»

EOC, Sanvido resta presidente del CdA

EOC, Sanvido resta presidente del CdA

Paolo Sanvido è stato confermato alla presidenza del Consiglio d’amministrazione dell’Ente ospedaliero cantonale (EOC). Lunedì pomeriggio, durante la prima seduta del «nuovo» CdA, dopo la controversa votazione in Gran Consiglio, Sanvido viene dunque confermato alla guida, per i prossimi quattro anni, del CdA dell’Ente.

Alla vice presidenza del CdA, al posto dell’uscente Edy Dell’Ambrogio, è stata nominata Valeria Canova Masina, già membro del consiglio d’amministrazione. Fanno inoltre parte del Consiglio di amministrazione (in ordine alfabetico) Andrea Bersani (nuovo), Luca Crivelli, Raffaele De Rosa quale rappresentante del Consiglio di Stato, Roberto Malacrida e Luigi Mariani.

Il voto in Gran Consiglio
«Nel corso della discussione, durante la quale il presidente uscente ha lasciato la sala, è stato anche evocato il voto parlamentare con cui il Gran Consiglio ha nominato i membri del Cda sulla base delle proposte formulate dal Consiglio di Stato», si legge nel comunicato dell’EOC che precisa che «con la conferma dell’attuale presidente Paolo Sanvido, il Cda ha voluto dare un segnale di continuità rispetto alle varie attività portate avanti in questi quattro anni. Tra queste vanno segnalati, fra l’altro, il consolidamento dell’offerta di cure, lo sviluppo dell’infrastruttura, la sostenibilità economica e la riorganizzazione dell’EOC con, ad esempio, il rafforzamento del modello di Istituto che fungerà da importante anello di congiunzione con il nuovo Master in biomedicina».

«I punti critici»
La discussione approfondita - spiega l’Ente nella nota - ha permesso di soffermarsi anche sui punti critici emersi nell’ultimo quadriennio ed è stata l’occasione per un ulteriore chiarimento e per ridiscutere anche i compiti propri alla carica. Il Cda ha discusso della revisione delle disposizioni che regolano il suo funzionamento e ha manifestato l’intenzione di procedere rapidamente alla revisione della sua governance, basandosi per questo anche sul recente rapporto realizzato congiuntamente dall’USI e dalla SUPSI».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Via libera alle novità per la scuola dell’obbligo

    gran consiglio

    Approvato a larga maggioranza il pacchetto da 19 milioni che prevede la diminuzione del numero massimo di studenti da 25 a 22 alle scuole Medie e l’introduzione dei docenti d’appoggio - Per il direttore del DECS Manuele Bertoli «è un giorno di festa, soprattutto per gli allievi»

  • 2
  • 3

    Il mercato dell’auto ha cambiato marcia

    mobilità

    La pandemia ha stravolto le dinamiche di vendita, accelerando alcuni processi e spingendo il settore verso la digitalizzazione – Roberto Bonfanti: «L’eccessivo ricorso all’online rischia di penalizzare i garage» – In continuo aumento la richiesta di mezzi elettrici o ibridi

  • 4

    Premiati i migliori apprendisti muratori

    Gordola

    Si è tenuta al centro di formazione professionale della Società svizzera impresari costruttori la 29. cerimonia di consegna del riconoscimento dedicato a Renato Antonini – Susanna Pifferini è la prima a ottenere il titolo federale al femminile

  • 5
  • 1
  • 1