«Era un’arte proibita, oggi è compromesso»

L’intervista

Analizziamo il fenomeno della street art con Gianni Biondillo, scrittore e architetto, già professore a Mendrisio

«Era un’arte proibita, oggi è compromesso»
© CdT/Chiara Zocchetti

«Era un’arte proibita, oggi è compromesso»

© CdT/Chiara Zocchetti

Noto come scrittore (da bestseller) e saggista, Gianni Biondillo è pure (se non soprattutto?) architetto. Per anni all’Accademia di Mendrisio ha tenuto il corso di psicogeografia e narrazione del territorio. La psicogeografia, sì, tecnica del corpo che indaga lo spazio urbano percorrendolo a piedi.

Con questo approccio, come leggere la street art?«Be’, è una storia che arriva da lontano, un’arte associata ad altre discipline - basti pensare al rap, al freestyle -, qualcosa allo stesso tempo di eversivo ma che pure vuole avere una sua caratterizzazione artistica. Perché street art non è semplicemente una scritta sul muro, un insulto o una dichiarazione d’amore. L’idea è quella di nascere in un posto e cercare di restituire a quel posto colore e vita, anche dove non se ne vedono grandi tracce....

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    «Dati contraddittori, serve un approfondimento»

    Lavoro

    Stefano Rizzi, direttore della Divisione dell’economia, sugli occupati in Ticino: «Difficile dare un’interpretazione» – Nel quarto trimestre il numero di posti nel cantone è diminuito del 4,4% mentre i lavoratori residenti all’estero su base annua sono aumentati dello 0,8% a 70.115 – Il trend diverso è in parte spiegabile con le differenti metodologie di calcolo delle statistiche

  • 3

    Quando la voglia di bici ti porta fra vigneti e prati

    Novazzano

    Si completa la rete di piste ciclopedonali che collega il comune ai due poli del Mendrisiotto – In pubblicazione il concorso per il progetto dal centro paese al Pian Faloppia - In luglio inizieranno i lavori per il percorso via alla Fornace-via al Loi-oratorio di Boscherina

  • 4

    «I castelli sono una gemma, e non chiamateli “Fortezza”»

    Bellinzona

    Commissione della Gestione compatta per la valorizzazione del patrimonio Unesco, la denominazione scelta però non convince - Promosso anche il Programma d’azione comunale che ridisegna il territorio da qui al 2040: «Mette i quartieri sullo stesso piano»

  • 5
  • 1
  • 1