Ermotti per Menasche nel CdA del Corriere

cambiamenti

La Società Editrice annuncia la modifica nel proprio Consiglio d’Amministrazione

Ermotti per Menasche nel CdA del Corriere
© CdT/Chiara Zocchetti

Ermotti per Menasche nel CdA del Corriere

© CdT/Chiara Zocchetti

La Società Editrice del Corriere del Ticino annuncia l’ingresso nel proprio Consiglio d’amministrazione di Sergio Ermotti, 60 anni, che sostituisce Alberto Menasche, il quale lascia la carica per raggiunti limiti d’età. Il Consiglio d’amministrazione e il presidente Fabio Soldati ringraziano sentitamente Alberto Menasche per l’importante contributo offerto nei lunghi anni di presenza all’interno del Gruppo Corriere del Ticino e salutano con piacere l’arrivo di Sergio Ermotti.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    Da domani basta un tampone per andare oltre frontiera

    domande e risposte

    Roberto Speranza, ministro della Salute italiano, ha firmato ieri la nuova ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’UE e dell’area Schengen con il solo test, da effettuare nelle 48 ore precedenti all’ingresso - Cade quindi l’obbligo di quarantena - Ecco tutto quello che serve sapere

  • 2
  • 3

    Occhio, i falsi nipoti sfruttano il coronavirus

    LUGANO

    La pandemia viene usata da chi estorce denaro agli anziani fingendo di essere un parente in difficoltà - Dicono di aver bisogno di soldi per pagare le cure in terapia intensiva - Una vittima della truffa racconta la sua storia

  • 4

    Bleniesi convinti sul turismo: «È la nostra carta vincente»

    Scenari

    Parola ai tre sindaci confermati dell’unico distretto dell’Alto Ticino in cui non ci saranno elezioni in questo weekend - Tra Polisport, Sun Village e stazioni invernali da convertire anche all’estate, tutti sanno su quale settore puntare per spingere l’economia locale - «E ora abbiamo una visione di valle»

  • 5

    Santa Chiara ha scelto: si vende alla Moncucco

    Sanità

    Gli azionisti dell’istituto locarnesehanno deciso a maggioranza di accettare la proposta della clinica luganese perché offre le maggiori garanzie dal profilo della continuità e dello sviluppo – L’offerta finanziaria si aggira sui 4 milioni di franchi – Dimissioni immediate del presidente e della direttrice sanitaria

  • 1
  • 1