Frontalieri ancora in aumento: sono 70.325

in ticino

L’Ufficio di statistica ha pubblicato i nuovi dati dei lavoratori con permesso G - A fine marzo si registrava un aumento dell’1,1% rispetto allo scorso anno e dello 0,5% rispetto al trimestre precedente - In Svizzera sono 344.000, oltre la metà provengono dalla Francia

Frontalieri ancora in aumento: sono 70.325
© CdT/Gabriele Putzu

Frontalieri ancora in aumento: sono 70.325

© CdT/Gabriele Putzu

Alla fine di marzo, in Ticino il numero di frontalieri ammontava a 70.325. Secondo i dati dell’Ufficio federale di statistica, il numero dei permessi G è aumentato di 1,1% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, mentre rispetto allo scorso trimestre la crescita è dello 0,5%. L’UST precisa tuttavia che la statistica dei frontalieri è stata oggetto di revisione, e questo comporta il ricalcolo dei risultati a partire dal 2019. I risultati di questo periodo rimangono quindi provvisori.

I settori

In Ticino, i lavoratori con permesso G sono attivi soprattutto nel settore terziario, dove salgono a quota 45.720 (in aumento di 314 unità rispetto al quarto trimestre del 2020). Nel secondario sono 24.020 (+24), mentre nel primario sono 585 (+21).

I dati svizzeri

A livello svizzero, invece, si è assistito a un incremento su base annua dell’1,3% per un totale di 344.000 frontalieri a fine marzo. Un po’ più della metà risiedeva in Francia (55,2%), mentre il 23,5% era domiciliato in Italia e il 18,1% in Germania.

Negli ultimi cinque anni il numero di frontalieri in Svizzera è salito da 304.000 nel primo trimestre 2016 a 344.000 nel primo trimestre 2021, il che corrisponde a un incremento del 12,8%.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2

    Bertoli: «Berna è stata coerente: prima le vaccinazioni, poi le aperture»

    nuovi allentamenti

    Il presidente del Consiglio di Stato accoglie con soddisfazione le nuove misure di alleggerimento annunciate dal Consiglio federale e sottolinea la necessità di continuare a porre l’accento sulle vaccinazioni: «Procedere in questo modo permette di non fare il passo più lungo della gamba e al contempo fornire una prospettiva a tutta la società»

  • 3

    «Da una parte si apre, dall’altra rimane il telelavoro»

    Pandemia

    Il direttore della Camera di commercio Luca Albertoni esprime dubbi sulle misure messe in consultazione dal Consiglio federale: «Poche aziende fanno i test regolari, dunque rimarrà l’obbligo di smart working: ora si guarda ai vaccini»

  • 4

    «Ogni giorno conta: non prolunghiamo l’agonia dei ristoranti»

    La reazione

    Il presidente di GastroTicino Massimo Suter commenta le decisioni del Consiglio federale in merito alla riapertura dei locali interni dei ristoranti a fine maggio: «Perché non già a Pentecoste?» - Posizione simile quella di GastroSuisse, che esprime comunque «sollievo» per la notizia

  • 5

    Trasportava troppa panna, multato un camionista

    Ticino

    Il veicolo era transitato dal San Gottardo con 19 tonnellate di bombolette aerosol contenenti panna alimentare, ma la quantità massima ammessa per transitare con questo tipo di merce nella galleria è di 8 tonnellate

  • 1
  • 1