Galline infette, saranno soppresse

Virus

Alcuni volatili dell’azienda Allevoliere della Fondazione Diamante di Gudo positivi alla laringotracheite: innocua per l’uomo, può però colpire altri animali - Chi avesse acquistato pollame, contatti il veterinario cantonale

 Galline infette, saranno soppresse
©Shutterstock

Galline infette, saranno soppresse

©Shutterstock

Negli scorsi giorni alcune galline dell’azienda Allevoliere della Fondazione Diamante di Gudo sono risultate positive alla laringotracheite. La malattia non ha conseguenze per l’essere umano ma purtroppo è infettiva per gli animali, motivo per cui il gruppo di galline dovrà essere soppresso. Il DSS invita i privati che nell’ultimo mese abbiano acquistato galline dell’azienda interessata a voler contattare il veterinario cantonale. Negli scorsi giorni è stata diagnosticata la laringotracheite infettiva dei polli in un gruppo di galline ovaiole di un’azienda del piano di Magadino. Si tratta di una malattia di origine virale che colpisce oltre ai polli domestici anche fagiani, quaglie, tacchini e pavoni. Non colpisce altre specie di animali.

Il contatto con animali infetti e l’eventuale consumo di uova e di carne di questi animali non costituiscono un problema per l’essere umano.

Le conseguenze della malattia possono portare alla morte dell’animale, ma l’infezione può manifestarsi anche in forma lieve permettendone la guarigione. Tuttavia, le galline restano portatrici del virus, motivo per cui si impone comunque la loro soppressione per evitare il propagarsi della malattia.

La laringotracheite è un virus diffuso in tutto il mondo, in Svizzera il problema riguarda soprattutto i volatili di razza.

L’azienda colpita, Allevoliere della Fondazione Diamante con sede a Gudo, in Via Demanio 2, ha venduto nelle scorse settimane delle galline ovaiole provenienti dal gruppo infetto ad alcuni privati. Il DSS chiede a chi avesse acquistato pollame da Allevoliere di Gudo dal 15 ottobre al 10 di novembre di contattare l’Ufficio del veterinario cantonale, al numero di telefono 091 814 41 00, per ricevere le indicazioni su come procedere.

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1