Genitori divisi sul destino del Burio

Gordola

Nostro reportage in vista del referendum sul risanamento delle scuole comunali. Incertezza sul voto del 7 marzo

Genitori divisi sul destino del Burio
Discussione aperta sul futuro dell’istituto scolastico collinare di Gordola. ©CdT/Archivio

Genitori divisi sul destino del Burio

Discussione aperta sul futuro dell’istituto scolastico collinare di Gordola. ©CdT/Archivio

«Sarebbe ora che sistemassero questa scuola, che non cade a pezzi ma ha qualche pecca dettata dal tempo. E anche la piscina è un peccato che non sia agibile. Ho le mie due bambine all’asilo e vorrei che frequentassero le elementari in uno stabile più in ordine e sicuro». «I miei quattro figli sono passati tutti da qui, ne ho ancora due alle elementari e posso confermare che questa scuola è messa male. Lavoro nel settore delle costruzioni e, piuttosto che risanarla, direi che è il caso di progettare e realizzare un nuovo complesso, magari sul Piano». Due mamme a confronto, davanti al Burio di Gordola, sede «collinare» degli istituti scolastici comunali e oggetto di un referendum il 7 marzo. In ballo c’è il credito per la progettazione definitiva del risanamento dell’istituto, costruito più di...

Vuoi leggere di più?

Sottoscrivi un abbonamento per continuare a leggere l’articolo.
Scopri gli abbonamenti al Corriere del Ticino.

Abbonati a 9.- CHF

Hai già un abbonamento? Accedi

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1