Gli stellati ticinesi: «Non fateci chiudere come in Italia»

ristorazione

Il settore guarda con apprensione le prossime decisione di Berna nella speranza che non siano drastiche come quelle messe in campo oltre confine - VIDEO

Gli stellati ticinesi: «Non fateci chiudere come in Italia»

Gli stellati ticinesi: «Non fateci chiudere come in Italia»

La scorsa domenica il Governo italiano ha predisposto ulteriori misure per contrastare la seconda ondata di coronavirus. Tra queste, la chiusura di bar e ristoranti alle 18.00. Una decisione che rischia di mettere in ginocchio molte attività che con difficoltà avevano superato, non senza problemi, il primo lockdown. Anche i ristoranti stellati sono molto penalizzati dalle nuove misure. E ora i colleghi ticinesi guardano con apprensione le prossime decisioni del Consiglio federale, nella speranza che non siano drastiche come quelle prese oltre confine.

Loading the player...
©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1

    La pandemia non contagia i conti dell’ambulanza

    SALVA

    Malgrado le difficoltà operative, soprattutto al lockdown, nel 2020 meno costi a carico dei Comuni convenzionati del Locarnese e Valli – Primi mesi comprensibilmente tranquilli ma dopo le riaperture si sono raggiunte cifre record per un totale di 5.562 interventi

  • 2

    La storia controcorrente del negozietto che riapre

    Castel San Pietro

    Il negozietto in centro paese ha cessato l’attività dall’oggi al domani e la popolazione lo ha scoperto da un cartello affisso in vetrina - Le difficoltà economiche però erano note e il Municipio si sta già attivando per riaprire la Cooperativa - La sindaca: «Inimmaginabile restare senza»

  • 3

    Dalla città alla montagna per realizzare un sogno

    LA STORIA

    Il giovane dottore Matteo Dell’Era da inizio giugno sarà attivo in uno studio di Airolo - Lascia Lugano dove è nato e cresciuto per un’esperienza in una valle come ha sempre desiderato - «Il medico di famiglia in periferia deve fare tutto, diventa un punto di riferimento per la comunità»

  • 4

    «L’incognita della frana rimane, partire era inevitabile»

    Preonzo

    Delle sette ditte attive fino a un decennio fa ai piedi del Valegiòn ne rimarrà solo una - Luca Genetelli parla della sua esperienza quasi trentennale a capo della Betra SA che nei prossimi giorni inizierà i lavori di costruzione della nuova sede nella zona industriale di Castione

  • 5
  • 1
  • 1