Gobbi: «Avremmo voluto di più»

la reazione

Il consigliere di Stato ticinese commenta la decisione di Berna di non estendere l’obbligo del test negativo per chi si muove a cavallo della frontiera

Gobbi: «Avremmo voluto di più»
© CdT/ Chiara Zocchetti

Gobbi: «Avremmo voluto di più»

© CdT/ Chiara Zocchetti

La soluzione scelta da Berna non è quella auspicata dal Governo ticinese. «In ogni caso condividevamo la necessità di prendere misure supplementari per contrastare la diffusione del virus anche nell’ambito dei movimenti transfrontalieri», ha commentato il direttore del Dipartimento delle istituzioni, Norman Gobbi. «Questa soluzione non è quella più efficace dal punto di vista sanitario, ma sicuramente quella meno onerosa da applicare», ha aggiunto, ribadendo che «noi avevamo chiesto di andare oltre e di rinunciare a eccezioni, mentre il Consiglio federale ha deciso di mantenere l’eccezione per i rientri dalle regioni confinanti».

Proprio su questo punto, Gobbi ha ammesso che «le regioni che confinano con il Ticino hanno tassi di vaccinazione superiori alla nostra e una situazione epidemiologica simile. Quindi al momento questa decisione non dovrebbe porre particolari problemi». Ma «visto che ci incamminiamo verso i mesi freddi che sappiamo essere un periodo favorevole alla diffusione del virus, avremmo auspicato misure più severe».

©CdT.ch - Riproduzione riservata

In questo articolo:

Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 1