Gobbi e Villa ai ferri corti

Il giudice critica le Istituzioni e il ministro reagisce su Facebook

BELLINZONA È un botta e risposta senza insulti, ma sotto, sotto mostra un profondo malessere tra il potere giudiziario e quello politico. Protagonisti sono il giudice Marco Villa e il direttore del Dipartimento delle Istituzioni Norman Gobbi. Il primo, nel corso di un processo per droga che si è tenuto giovedì 12 settembre a Bellinzona ha accusato i servizi del Dipartimento di Gobbi di agire con leggerezza nell'attribuzione di permessi B e assegni assistenziali. "Forse sarebbe meglio lasciare le scrivanie e andare a vedere cosa succede fuori dagli uffici" ha dichiarato in aula penale Villa. Pronta la replica, di buon mattino, via Facebook e Twitter da parte di Gobbi: "Mi sorprende che un giudice non ricordi come sia il suo partito (PLR) ad aver voluto e sostenuto l'Accordo sulla libera circolazione, che tra tante cose, non permette di richiedere il casellario giudiziale del cittadino UE in arrivo da noi".

©CdT.ch - Riproduzione riservata
Ultime notizie: Ticino
  • 1
  • 2
  • 3
    Elezioni comunali

    Piazza Grande e Città Vecchia due perle da lucidare in fretta

    Il futuro del salotto buono di Locarno e del quartiere storico, fra progetti di riqualifica ed eventuale pedonalizzazione, sono i temi principali affrontati nell’ultimo confronto tra i candidati al Municipio in vista dell’appuntamento con le urne fissato per il 18 aprile

  • 4
    Partiti

    A 10 anni dal raddoppio leghista

    Il 10 aprile 2011 in Ticino ci fu una sorta di rivoluzione con l’elezione di tre nuovi consiglieri di Stato e la conquista da parte della Lega del secondo seggio in Governo a svantaggio del PLR - I ricordi, le valutazioni e gli aneddoti con i protagonisti di allora

  • 5
    Sanità

    Ospedale Civico: «Non confondete contenuto e contenitore»

    Il Municipio di Lugano difende l’EOC e la scelta di rinunciare all’importante aumento volumetrico dell’ospedale:«Non ci sarà alcuna perdita di competenze e il nosocomio continuerà a essere la punta di diamante della sanità ticinese»

  • 1